Home Dove, come e quando Coronavirus in Europa: anche il Belgio chiude tutto

Coronavirus in Europa: anche il Belgio chiude tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:46
CONDIVIDI

Coronavirus in Europa: anche il Belgio va in lockdown e chiude tutto.

coronavirus europa belgio
La Grand Place di Bruxelles vuota (BENOIT DOPPAGNE/Belga/AFP via Getty Images)

Dopo l’iniziale incertezza se non proprio scetticismo sulle misure da prendere per contenere l’epidemia di Coronavirus, alla fine anche il Belgio è stato costretto ad adeguarsi e introdurre il “lockdown“, ovvero il blocco degli spostamenti, se non per cause di necessità, e la chiusura delle attività non essenziali su tutto il suo territorio. Restrizioni inevitabili se si vuole se non fermare almeno rallentare la diffusione di Covid-19, che dopo l’Italia si sta espandendo a tutta Europa. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Emergenza Coronavirus: l’Europa chiude i suoi confini e sospende Schengen

Emergenza Coronavirus in Europa: il Belgio chiude tutto

Quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato la pandemia di Covid-19 e i contagi del nuovo Coronavirus (Sars-Cov-2) hanno cominciato a diffondersi in modo serio in tutta Europa, e non solo in Italia, anche gli altri Paesi europei si sono accorti della gravità della situazione e della necessità di prendere subito provvedimenti.

Le misure restrittive di chiusura di tutte le attività o quasi, a cominciare da scuole, università e locali pubblici, per poi limitare se non proibire gli spostamenti delle persone, salvo attività inderogabili, e imporre misure di distanziamento sociale sono state prima oggetto di scherno da parte di alcuni Paesi europei non coinvolti direttamente dall’epidemia ma ora vengono progressivamente adottate anche da questi.

Leggi anche –> Coronavirus, Francia chiude tutto: stop a negozi e bar

Le epidemie non conoscono confini e ormai l’hanno capito tutti che il Coronavirus non è più solo un problema della Cina né della sola Italia. Il virus colpisce tutti, persone comuni e personaggi famosi, e può farlo di sorpresa. Scavalca i confini e può contagiare chiunque, anche coloro che fino a poco tempo fa si credevano immuni. È fondamentale osservare le regole di isolamento e distanziamento sociale, anche se faticose, per evitare che la malattia si diffonda e metta in difficoltà la tenuta del sistema sanitario dei Paesi.

Leggi anche –> Coronavirus: Lourdes chiude le porte per la prima volta nella storia

Covid-19 nella maggioranza dei casi si cura seguendo una terapia antivirale stando a casa, ma nei casi più gravi può richiedere il ricovero in ospedale e in terapia intensiva per lunghi periodi. Abbiamo visto questi giorni in Italia e soprattutto in Lombardia che i posti letto negli ospedali possono non bastare ad accogliere tutti i malati, soprattutto nelle terapie intensive, con i medici costretti a scegliere a chi dare la precedenza nelle cure. Per evitare tutto questo è dunque fondamentale che non si creino altri contagi. Il distanziamento sociale e l’isolamento dei pazienti sono al momento le uniche strade applicabili.

Anche il Belgio ha dovuto accettare questa dura realtà e dopo aver introdotto le prima misure di contenimento, con il divieto di assembramenti, la settimana scorsa, ora è stato costretto al lockdown, come Italia, Francia e Spagna.

La sera del 17 marzo, il governo belga si è visto obbligato ad applicare ulteriori misure di contenimento del virus, obbligando i cittadini a restare in casa,. I belgi potranno uscire solo per necessità, quali fare la spesa, andare in farmacia, andare in banca, alla posta o fare il pieno di benzina. Le nuove misure entrano in vigore a partire da oggi, mercoledì 18 marzo, a mezzogiorno e si applicherano fino al 5 aprile.

È consentita l’attività motoria all’aria aperta, ma solo osservando la distanza di almeno un metro e mezzo dalle altre persone. Sono vietati gli assembramenti e le forze dell’ordine controlleranno l’osservanza di queste disposizioni da parte dei cittadini.

Nel frattempo, i casi di Coronavirus in Belgio sono 1.243, ma presto potrebbero crescere, come accaduto negli altri Paesi. L’Italia è ancora il Paese europeo con il triste primato di casi: ben 31.506 dall’inizio dell’epidemia. Al secondo posto si trova la Spagna, salita rapidamente a 11.826 casi, poi la Germania con 9.877 casi e la Francia con 7.696.

Leggi anche –> Pandemia Coronavirus: arrivano le chiusure in Usa, l’Argentina blinda le frontiere

Parchi chiusi a Bruxelles per il Coronavirus (KENZO TRIBOUILLARD/AFP via Getty Images)