Maldive chiuse agli italiani a causa del coronavirus

0
7

Maldive chiuse agli italiani a causa dell’epidemia di coronavirus. Il provvedimento preso nelle ultime ore nei confronti di tutti coloro, italiani o no, che vengono dall’Italia o sono transitati per il nostro Paese.

maldive chiuse italiani coronavirus
Maldive (iStock)

Le Isole Maldive chiudono le loro porte agli italiani a causa dell’epidemia di coronavirus. Il provvedimento è entrato in vigore dalla mezzanotte del 7 marzo e vale per tutti i viaggiatori che provengono dall’Italia, che siano italiani o no.

Il divieto di ingresso nello stato insulare dell’Oceano Indiano, tra le mete di vacanza preferite dagli italiani, è stato comunicato sul sito web Viaggiare Sicuri della Farnesina. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Coronavirus: voli cancellati con l’Italia e i Paesi con restrizioni

Maldive chiuse agli italiani per il coronavirus

Le Maldive chiudono le porte, o i porti, agli italiani e a tutti coloro che provengono dall’Italia o che hanno transitato per il nostro Paese nei 14 giorni precedenti al loro arrivo nello Stato insulare. Un provvedimento annunciato nelle ultime ore dal governo di Malè e preso per contrastare i contagi da Covid-19, la malattia causata dal nuovo cornavirus (Sars-CoV-2).

Purtroppo i piccoli Stati insulari come le Maldive sono obbligati a prendere misure drastiche e anche molto limitanti per evitare il diffondersi sul loro territorio di un’epidemia che potrebbe avere effetti devastanti. Non pochi italiani nelle scorse settimane avevano invocato la “chiusura” dei porti ai migranti e ai cinesi per difendere la patria dall’epidemia di coronavirus, siamo invece noi italiani ad essere respinti dagli altri Paesi a causa dei contagi di coronavirus che proprio noi abbiamo esportato un po’ in tutto il mondo (senza “colpa” di nessuno, perché le epidemie non tengono conto dei confini e soprattutto perché i primi casi, come stanno dimostrando gli scienziati, hanno cominciato a diffondersi nel resto del mondo e in Cina, prima della dichiarazione di emergenza internazionale da parte dell’OMS, dunque quando diverse persone contagiate erano già in viaggio).

Ora quello che si può fare è cercare di contenere il diffondersi dell’epidemia di una malattia anche non ha ancora cure specifiche, solo sintomatiche e ancora sperimentali, e soprattutto non ha ancora un vaccino. Soltanto limitando i viaggi, gli spostamenti e soprattutto evitando i luoghi affollati, in particolare al chiuso, e gli assembramenti, si può contenere l’epidemia di una malattia molto contagiosa.

Leggi anche –> Voli cancellati per coronavirus: le informazioni sui rimborsi da Enac

maldive chiuse italiani coronavirus
Resort di Madoogali- Maldive (Wikipedia)

Divieto di ingresso agli italiani alle Maldive

Le Maldive non fanno eccezione e per difendersi hanno chiuso i loro confini ai soggetti provenienti dai Paesi con maggiori contagi. Come si legge sul portale Viaggiare Sicuri, dell’Unità di Crisi della Farnesina (Minsitero delgi Esteri), nella nota aggiornata al 7 marzo:

“Le Autorità maldiviane, nell’ambito delle misure adottate per la prevenzione del contagio da COVID-19, hanno annunciato il divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti o in transito dall’Italia nei 14 giorni precedenti l’arrivo alle Maldive a partire dalle 23.59 di sabato 7 marzo, ora locale. Maggiori informazioni saranno fornite non appena disponibili. Si raccomanda di continuare a monitorare questo sito e di contattare la compagnia aerea di riferimento per informazioni sul proprio volo.

Le autorità locali hanno inoltre temporaneamente sospeso l’ingresso nel Paese per i cittadini stranieri che risultino aver soggiornato – o anche solo transitato – nella Repubblica Popolare Cinese. Tale misura viene applicata anche a coloro che risultino aver soggiornato nella Repubblica Popolare Cinese e che siano transitati successivamente in altri Paesi prima di arrivare alle Maldive. Le autorità locali hanno inoltre deciso di sospendere temporaneamente, fino a nuovo ordine, l’ingresso alle Maldive per i viaggiatori provenienti o in transito dai seguenti Paesi: Iran e Corea del Sud limitatamente alle aree colpite dalla diffusione del coronavirus. A questo riguardo, si raccomanda di contattare la compagnia aerea di riferimento. Le autorità locali hanno disposto inoltre il divieto di sbarco per le navi da crociera. I cittadini delle Maldive in rientro da aree affette dal coronavirus saranno invitati ad osservare un periodo di quarantena all’arrivo”.

Ranveli, Maldive (iStock)