Home Dove, come e quando Treno in ritardo rimborso: quanti minuti e quant’è l’indennità

Treno in ritardo rimborso: quanti minuti e quant’è l’indennità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:36
CONDIVIDI

Procedura per la richiesta di rimborso per i treni. Quanti minuti di ritardo per avere il rimborso e a quanto ammonta l’indennità

Frecciarossa
Frecciarossa Trenitalia (iStock)

E’ capitato a tutti di stare minuti fermi in stazione a fissare il tabellone delle partenze in attesa di sapere quando il proprio treno partirà, così come è successo a tutti di perdere una coincidenza per un ritardo e magari nell’ipotesi peggiore finire in una stazione sperduta senza avere nemmeno assistenza visto l’orario tardo. La buona notizia in tutto ciò è che spesso si ha diritto al rimborso. Abbiamo detto spesso perché per avere diritto all’indennizzo serve che il treno abbia fatto un ritardo considerevole. E ciò vale sia per Italo sia per Trenitalia sia per Trenord, la compagnia Regionale che opera in Lombardia, Piemonte e Veneto. C’è poi una procedura diversa e rimborsi differenti se si tratta di Frecce, Intercity e Regionali.

Ritardo del Treno: quando si ha diritto al rimborso

Per avere un rimborso è fondamentale agire per tempo – in alcuni casi le richieste devono essere fatte entro un tempo limite molto vicino alla date – avere il biglietto (cartaceo, online o il PNR) dopodiché secondo la compagnia e tipo di ritardo si può procedere alla richiesta di rimborso. Ma per avere diritto all’indennità è necessario un ritardo considerevole: infatti è prevista una soglia di tolleranza di ritardo del treno che non è quindi rimborsabile.

Trenitalia: minuti di ritardo per il rimborso

Trenitalia gestisce diverse categorie di treni e sono previsti indennizzi e regole diverse se si tratta dei Treni ad Alta Velocità, ovvero le Frecce, oppure i treni a più lenta percorrenza, ossia Intercity, Interregionali e Regionali.

  • Ritardo treni Regionali, Interregionali e Intercity Trenitalia fino a 59 minuti
    Per tutti i treni Regionali, Interregionali e Intercity di Trenitali e per i treni Regionali di Trenord per un ritardo fino a 59 minuti non è previsto nessun rimborso. Nemmeno se il ritardo ha creato problemi al viaggiatore, facendo perdere una coincidenza, si ha diritto all’indennizzo
  • Ritardo treni Frecce di Trenitalia fino a 29 minuti
    Per le frecce di Trenitalia la tolleranza è minore, ma anche per i treni dell’Alta Velocità il passeggero deve sopportare fino a 29 minuti di ritardo senza aver diritto a nessun rimborso un ritardo. Ciò vale sia per Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca.
  • Ritardo delle Frecce di Trenitalia compreso fra i 30 e i 59 minuti. Nel caso di un ritardo compreso fra mezzora e 59 minuti delle Frecce il passeggero ha riconosciuto un indennizzo pari al 25% del prezzo del biglietto. Questo rimborso viene dato sotto forma di bonus per l’acquisto di un altro biglietto da acquistare entro un anno.
  • Ritardo delle Frecce, degli Intercity, Interregionali e Regionali fra i 60 e 119 minuti. Oltre un’ora di ritardo ed entro le due ore per tutte le tipologie di treni si ha diritto ad un rimborso del 25% del prezzo del biglietto. Questa indennità può essere risarcita con uno sconto su un nuovo biglietto, in contanti, con un riaccredito sulla carta di credito, nel caso il pagamento sia stato effettuato con questo sistema di pagamento.
  • Ritardo oltre i 120 minuti Trenitalia. Superate le due ore di ritardo per tutte le tipologie di treno Trenitalia è previsto un rimborso pari al 50% del prezzo del biglietto che viene erogato a scelta del viaggiatore sotto forma di bonus per un nuovo acquisto, in contanti o con riaccredito su carta.

Italo: rimborso per il ritardo

La compagnia Italo ha treni ad Alta Velocità che collegano tutta Italia. Il rimborso è previsto solo per ritardi superiori all’ora. Fino a 59 minuti di ritardo non è previsto nessun rimborso. Qui maggiori informazioni sui rimborsi di Italo.

  • Ritardo dei treni Italo tra 60 e 119 minuti. Italo come Trenitalia prevede un rimborso del 25% per i treni giunti a destinazione con ritardo compreso fra un’ora e meno di due.
  • Ritardo oltre i 120 minuti Italo. In caso di ritardi superiori alle 2 ore Italo provvede a un’indennizzo pari al 50% del prezzo del biglietto. Il rimborso viene gestito automaticamente Italo che informa il passeggero tramite mail.

Trenord ritardo treni: rimborso e minuti

Per poter avere un rimborso per il ritardo dei treni regionali e interregionali gestiti da Trenord è necessario che il ritardo sia superiore ai 59 minuti. Ritardi inferiori, anche se fanno perdere una coincidenza non verranno rimborsati. E’ prevista anche una soglia minima di rimborsi per chi ha un abbonamento settimanale o annuale a Trenord. Inoltre non saranno rimborsati biglietti inferiori ai 4 euro. La domanda per il rimborso va presentata online se l’acquisto è avvenuto tramite il form del sito o tramite raccomandata in tutti gli altri casi (Trenord – Ufficio Rimborsi – c/o Stazione Cadorna Pal. Movimento P.le Cadorna 20123 Milano).

  • Ritardo Trenord da 60 a 119 minuti. La compagnia regionale prevede un rimborso del 25% del prezzo del biglietto. Il risarcimento va richiesto entro un mese.
  • Ritardo Trenord oltre i 120 minuti. Il rimborso è pari al 50% del costo del biglietto.
CONDIVIDI
Articolo precedenteElly Schlein, chi è: carriera e curiosità sulla giovane politica
Articolo successivoBambina morta cadendo dalla nave, le immagini incastrano il nonno – VIDEO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.