CONDIVIDI
(GettyImages)

Come fare per chiedere il rimborso in caso di treno Italo in ritardo o cancellato

Che in Italia i treni non siano puntuali è una vecchia storia e non sempre è così. Anzi, negli ultimi anni c’è stato un miglioramento con i convogli ad alta velocità che spaccano il minuto. Ma è successo a tutti – che sia ad alta velocità, regionale o intercity –  che il treno faccia ritardo e si rimanga così a fissare la tabella delle partenze vedendo ogni volta allungarsi il tempo di ritardo. Ma cosa fare quando un treno è in ritardo? E’ possibile chiedere il rimborso alla compagnia? Ecco come funziona per i treni Italo.

L’Italia non è il Giappone dove i treni arrivano in anticipo o si scusano per ritardi di pochi secondi. Nel nostro Paese più spesso dobbiamo confrontarci con treni che accumulano notevole ritardo: nell’ordine di mezzora fino a diverse ore. Le compagnie vengono incontro ai passeggeri offrendo dei rimborsi del biglietto per il ritardo.

Ritardo treno Italo: cosa fare

Se il vostro treno della Compagnia Italo è in ritardo o è stato soppresso potete chiedere il rimborso. L’entità del rimborso varia con il tempo di attesa del ritardo. Il sito di Italo spiega l’arrivo a destinazione con un ritardo compreso fra 60 e 119 minuti dà diritto ad un indennizzo del 25% del prezzo del biglietto; se il ritardo è superiore alle due ore l’indennizzo è del 50% del prezzo del biglietto.

Se invece il ritardo accumulato è alla partenza si parla di rimborso e non di indennizzo. Se il ritardo è di più di 60 minuti o in caso di cancellazione del treno si ha diritto infatti al totale rimborso del biglietto per la parte di viaggio mancante o se si decide di non partire più. Se è stato acquistato un viaggio andata e ritorno e la cancellazione o il ritardo riguarda l’andata si ha diritto al rimborso integrale di entrambi i biglietti. Se invece si tratta del viaggio di ritorno il rimborso è solo su quest’ultima tratta. Italo cercherà poi di farti arrivare a destinazione con servizi sostitutivi o nel primo treno Italo successivo.

L’indennizzo viene dato in automatico entro 30 giorni dal disservizio tramite un voucher oppure per chi è registrato tramite il Borsellino Italo. In ogni caso la compagnia avvertirà con una mail il viaggiatore dell’avvenuta transizione. Per il rimborso invece bisogna contattare l’assistenza sul sito o le biglietterie delle stazioni.

Continua a leggere le nostre notizie: seguici su Google News!