Home News Sigaretta Elettronica, numeri allarmanti: 4 morti e 450 malati

Sigaretta Elettronica, numeri allarmanti: 4 morti e 450 malati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:37
CONDIVIDI

Sigaretta elettronicaNegli Stati Uniti si continua ad investigare sulla causa delle malattie polmonari legate all’utilizzo di sigaretta elettronica, intanto il numero dei casi sale.

Continua a destare preoccupazione la malattia polmonare legata all’utilizzo della sigaretta elettronica negli Stati Uniti. Dal primo caso riscontrato ad oggi il numero delle vittime è salito a 4 persone e sono almeno 450 quelli che hanno sviluppato una patologia polmonare grave. Al momento non vi sono certezze sulle cause di tale fenomeno, ma si pensa che la principale causa sia l’utilizzo di un olio al thc (principio attivo della Marijuana) che in alcuni stati Usa è legale.

In questi mesi i medici ed i ricercatori stanno cercando di capire in che modo lo svapare possa portare a simili conseguenze. L’ipotesi più diffusa è che una parte del liquido non venga vaporizzata a dovere e dunque delle gocce dello stesso vanno a depositarsi nei polmoni con effetti letali. Uno studio condotto su pazienti che utilizzano la e-cigarette ha mostrato che in loro le patologie polmonari non sono causate dall’accumulo di liquido nei polmoni ed i ricercatori hanno concluso che la causa possa essere l’inalazione di una sostanza tossica.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sigaretta Elettronica: innalzato il livello d’allerta in Europa

Nelle scorse settimane è stata evidenziata anche la correlazione tra i casi di malattia e la produzione di liquidi in casa (come nel caso del 18enne con i polmoni di un 70enne). Proprio il mancato rispetto dei dosaggi consigliati dai produttori sarebbe un fattore determinante. Ciò nonostante al momento non vi è certezza su questa correlazione causa-effetto e lo dimostra il fatto che l’Osservatorio Europeo sulle Droghe e le Tossico dipendenze di Lisbona abbia chiesto ai Paesi membri dell’Unione Europea di innalzare il livello d’allerta. Alla richiesta ha aderito anche l’Italia, dove l’Istituto Superiore di Sanità ha portato al penultimo grado il livello d’allerta ed avviato una serie di accertamenti sulle cause dei liquidi delle sigarette elettroniche sugli utilizzatori.