Home News Allergeni alimentari, yogurt ritirato dagli scaffali – FOTO

Allergeni alimentari, yogurt ritirato dagli scaffali – FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:05
CONDIVIDI
allergeni alimentari yogurt
Rischio allergeni alimentari in uno yogurt venduto da Despar – FOTO: screenshot

Il Ministero della Salute ha provveduto a richiamare una specifica marca di yogurt per il rischio di allergeni alimentari: questo il lotto e cosa fare se l’avete in casa.

Una marca di yogurt è stata richiamata con urgenza per via del rischio di allergeni alimentari. Il provvedimento è stato inoltrato direttamente dal Ministero della Salute con effetto immediato. Subito il prodotto in questione è stato quindi tolto dagli scaffali dei punti vendita in cui è solitamente proposto. Si tratta dello yogurt cremoso alla soia ‘Veggie Despar’. Gli allergeni alimentari che potrebbe comportare il consumare tale alimento non sono stati dichiarati nell’etichetta. Per cui un lotto specifico è stato richiamato e tolto dal commercio. Già Despar aveva deciso di fare lo stesso ancora prima che il Ministero rendesse operativa la propria scelta di far sparire questo prodotto a scopo cautelativo per tutelare la salute dei consumatori.

LEGGI ANCHE –> Pisa, donna morta in supermercato chiuso: il corpo era in un bagno inagibile

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Allergeni alimentari, il lotto dello yogurt vegano ritirato

Il lotto in question è il seguente: L2349, e reca come data di scadenza l’8 ottobre 2019. La ditta produttrice è la Sterilgarda Alimenti S.p.A. con stabilimento situato a Castiglione delle Stiviere (MN). Tale yogurt viene messo in commercio da Despar Italia C.a.r.l. via Cristoni n 82, Casalecchio di Reno in provincia di Bologna. Il prodotto al centro di questo fatto viene venduto in confezioni da 250 grammi, con due vasetti in coppia. Per coloro che avessero già comprato lo yogurt in questione, l’invito è quello di recarsi nel punto vendita dove è avvenuto l’acquisto. Presentando lo scontrino sarà possibile procedere ad un rimborso oppure ad una sostituzione con qualcosa di analogo e di certificato.

LEGGI ANCHE –> Torino, donna muore al supermercato: il corpo rimane lì per un’ora mentre la gente continua a fare la spesa