Omicidio Cerciello Rega, il carabiniere: “Ecco perché Hjorth fu bendato”

Parla il carabiniere che scattò la foto al centro delle polemiche dopo l’omicidio Cerciello Rega: “Hjorth fu bendato perché dava testate”.

La foto di Christian Gabriel Natale Hjorth bendato in caserma, e con i polsi legati alla sedia, ha fatto il giro del mondo, suscitando un’ondata di indignazione e dissenso da parte dei “garantisti” (e non solo). A fare chiarezza sulla vicenda è ora il carabiniere che scattò la foto incriminata: a suo dire, si trattò di una misura di emergenza per frenare i suoi gesti violenti.

Non solo: la foto che lo ritrae in quello stato fu diffusa in una chat riservata di 18 carabinieri di varie caserme d’Italia “al fine di rassicurare tutti i partecipanti sul fatto che i due responsabili dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega erano stati arrestati”. E’ quanto scrive l’avvocato Andrea Emilio Falcetta nella memoria difensiva che ha depositato ieri alla Procura ordinaria e a quella militare come difensore del maresciallo indagato per rivelazione del segreto d’ufficio per aver immortalato il 18enne californiano. Secondo la sua versione (ancora da verificare) fu poi un altro carabiniere a diffondere la foto all’esterno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La verità sulla foto del presunto assassino di Cerciello Rega

L’immagine in questione apparve sui media il 28 luglio scorso, a tre giorni dall’assurda morte del vicebrigadiere Cerciello Rega a Prati, e subito l’Arma prese posizione, assicurando che avrebbe individuato i responsabili per spostarli ad altri incarichi. “Si tratta di un episodio inaccettabile” fu il commento a caldo del comandante generale Giovanni Nistri.

Poco a poco emersero altri dettagli. Nella stanza immortalata erano presenti al momento dello scatto cinque militari: il primo individuato, colui che bendò il ragazzo, provò a difendersi dicendo che il bendaggio serviva a impedire al 18enne, fermato assieme all’amico e complice Lee Finnegan Elder, di sbirciare nei monitor e sui fascicoli aperti sulla scrivania – ma in realtà i monitor erano spenti.

La memoria dell’avvocato del secondo carabiniere racconta un’altra verità: “Mentre ancora si rincorrevano notizie inerenti l’effettiva identità dei due autori dell’omicidio il P. scattò la foto per cui è oggi indagato e la condivise nella chat medesima (sapendola riservata unicamente a carabinieri che avevano trascorso tutta la notte a condividere notizie e indicazioni sui possibili autori ‘magrebini’ del vile attentato) anche e soprattutto al fine di rassicurare tutti i partecipanti sul fatto che i due soggetti erano stati arrestati, nonché di far notare che l’informazione inizialmente fornita dal collega di Mario [Andrea Varriale] era totalmente inesatta’.

Il maresciallo in servizio presso la compagnia Roma Centro racconta inoltre, tramite il suo difensore, le fasi concitate dell’arresto dello statunitense, che avrebbe provato a liberarsi colpendo i carabinieri a suon di “testate” e scagliandosi contro il muro, riportando così anche delle ferite al volto. La benda fu quindi uno “strumento di contenimento legittimo e proporzionato”. Il maresciallo ribadisce poi che l’interrogatorio si è svolto nel pieno rispetto delle procedure e garanzie dell’indagato.

Non tutti però sono convinti di questa ricostruzione. “Che le manette vengano utilizzate a fine di contenimento sarebbe plausibile, ma in tanti anni di professione non mi è mai capitato di veder utilizzato il bendaggio ‘per evitare’ che un fermato ‘faccia male a se stesso o ad altri'”, commenta Francesco Petrelli, legale di Cristian Gabriel Natale Hjort. “Senza entrare nel merito di un’indagine che è ancora in corso – aggiunge – diciamo solo che se tale giustificazione è autentica e l’affermazione corrisponde al senso comune la cosa non può che destare qualche sorpresa e qualche perplessità”.

EDS