Home News Funerali Nadia Toffa, la domanda choc a Giulio Golia: “Fai un selfie?”

Funerali Nadia Toffa, la domanda choc a Giulio Golia: “Fai un selfie?”

CONDIVIDI
Funerali Nadia Toffa, richiesta choc a Giulio Golia
(Screenshot Video)

Durante i funerali di Nadia Toffa una donna si è avvicinata a Giulio Golia per fargli una richiesta inopportuna che la iena ha declinato.

Venerdì mattina si sono tenuti i funerali di Nadia Toffa nella Cattedrale di Brescia. In centianaia sono intervenuti per porgere l’estremo saluto alla conduttrice e durante l’omelia pronunciata da Don Patriciello ci sono stati attimi di sincera commozione. Anche in quel frangente così delicato, però, c’è stato chi ha avuto il coraggio di fare una richiesta inopportuna ad uno dei colleghi della iena appena scomparsa.

Com’è possibile osservare da un video che riprende il momento in cui il feretro esce dalla Chiesa, una donna si è avvicinata a Giulio Golia mentre questo seguiva la bara. La donna non ha offerto le proprie condoglianze ma, come se lo avesse incontrato ad un bar, gli ha chiesto: “Ci facciamo un selfie veloce?”. Giulio, visibilmente scosso, ha declinato gentilmente l’invito, spiegandole a cenni che non era esattamente il caso né il luogo per una simile richiesta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dolore di Giulio Golia per la scomparsa di Nadia Toffa

Proprio Giulio Golia è stato al centro delle discussioni nei giorni precedenti al funerale della collega. Il giorno in cui è morta Nadia, infatti, alcuni utenti Instagram lo hanno criticato per una foto profilo pubblicata ore prima che, a loro parere, era irrispettosa nei riguardi della iena scomparsa. Giulio non ha mai risposto alle critiche ma pubblicato uno stato in cui salutava l’amica con affetto.

Un paio di giorni dopo Giulio ha fatto visita alla camera ardente allestita al Teatro Santa Chiara ed in quella occasione ha detto alcune parole per l’amica scomparsa: “Per me era una sorella, come aver perso una sorella. Io e lei abbiamo condiviso tante cose insieme. Entrambi abbiamo scelto di essere dalle parte dei più deboli”.