Carabiniere ucciso, Elder Lee era già stato arrestato per un aggressione

Elder Lee era stato già arrestato per aggressioneIn queste ore si è scoperto che Elder Lee, l’americano che ha ucciso il carabiniere, era già stato arrestato nel 2016 dopo aver aggredito un compagno di scuola durante una festa.

Dopo essere stato arrestato, l’americano Eder Lee ha confessato ai carabinieri e al Gip di aver accoltellato a morte il carabiniere Mario Cerciello Rega, negando però che questo si fosse dichiarato come rappresentante delle Forze dell’ordine. Informati dei capi di accusa che pendono sulla testa del figlio, i genitori del 19enne californiano hanno fatto i biglietti per giungere a Roma e stargli vicino in questo momento. Il padre del ragazzo ha anche rilasciato un’intervista in cui dice che il figlio è una brava persona.

Brava persona o meno le prove di quanto successo, però, sono schiaccianti: il diciannovenne è stato trovato in possesso della lama da 18 centimetri che ha ucciso il carabiniere, ci sono immagini che lo ritraggono mentre fugge dalla zona della colluttazione e lui stesso ha confessato di aver colpito il militare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Elder Lee, il precedente per aggressione

Nel 2016 Elder Lee era già stato nei guai con la giustizia in seguito ad una rissa scoppiata ad un party. L’americano si era scontrato con un compagno di classe e di squadra e con un pugno lo aveva reso incosciente. In seguito al colpo subito, il ragazzo aveva riportato lesioni al cervello ed era rimasto in convalescenza per settimane. Elder Lee venne accusato di aggressione e ritenuto colpevole dal tribunale dei minori di San Francisco, ma non è chiaro se sia stato condannato per questo reato.

Pare infatti che la scazzottata fosse concordata e che il coetaneo non abbia sporto denuncia contro di lui. La rissa non ebbe ripercussioni disciplinari nemmeno nell’istituto scolastico che frequentava, Elder Lee era uno studente della Sacred Heart Cathedral Preparatory, dove non venne sospeso perché, con ogni probabilità, la rissa era avvenuta fuori dal plesso scolastico.