Home News Faceapp, bimbo scomparso ritrovato dopo 18 anni grazie ad app simile

Faceapp, bimbo scomparso ritrovato dopo 18 anni grazie ad app simile

CONDIVIDI
bimbo scomparso faceapp
Ritrovato tramite software simile a faceapp un bimbo scomparso da 18 anni – FOTO: viagginews.com

Utilizzando un software molto simile a Faceapp, un bimbo scomparso nel 2001 ha potuto riabbracciare i suoi veri genitori, ora ha 21 anni.

È delle scorse ore la notizia del ritrovamento di un bimbo scomparso sin da quando aveva 3 anni. Il piccolo si chiamava Yu Weifeng e venne rapito da dei malintenzionati mentre giocava accanto al cantiere dove stava lavorando suo padre. Da allora non se ne è più saputo niente di lui. Ma nelle scorse settimane il bimbo scomparso, cresciuto e diventato ormai un uomo, adesso che ha compiuto 21 anni ha potuto riconciliarsi con quelli che sono i suoi genitori adottivi. E tutto grazie ad un software che condivide molte di quelle che sono le caratteristiche di Faceapp, l’applicazione del momento. Come noto, si tratta di una app per smartphone che consente di invecchiare o di ringiovanire i volti delle persone. E nelle ultime settimane parecchi vip si sono divertiti a postare i loro avatar in versione ‘aged’ sui rispettivi profili social. Il programma in questione, basato su di una sofisticata intelligenza artificiale, è stato utilizzato dalla polizia su circa cento giovani coetanei di Weifeng.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bimbo scomparso, due mesi per verificare il tutto e poi il lieto fine

Nel giro di due mesi, confrontando le foto ‘invecchiate’ di quando il giovane era un bambino, è stato possibile risalire alla sua identità e far si che ritrovasse dopo 18 anni i suoi veri genitori. In tutto questo tempo il ragazzo ha vissuto con un’altra famiglia, che lo aveva adottato in quanto non poteva avere figli. L’app in questione è stata sviluppata da Tencent, colosso cinese del settore hi-tech. Weifeng è attualmente uno studente universitario e fino ad ora ha risieduto a Guangzhou con la famiglia Li. A confermare il buon esito della ricerca ha contribuito anche il test inequivocabile del Dna. Il suo vero padre, parlando alla stampa locale, ha ringraziato la famiglia che lo ha cresciuto per tutti questi 18 anni. “Io e mia moglie siamo i veri genitori di Yu. Ma sono stati loro ad averlo cresciuto con dei valori, facendone un uomo di principio quale è diventato. Per me, mio figlio ha due mamme e due papà”.