Home News Grande Fratello: “Serena Rutelli non sa ancora della lettera della vera madre”

Grande Fratello: “Serena Rutelli non sa ancora della lettera della vera madre”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:33
CONDIVIDI
serena rutelli
serena rutelli

Serena Rutelli, figlia adottiva di Francesco e di Barbara Palombelli, non è ancora a conoscenza del fatto che la sua vera madre l’abbia contattata. Verrà informata stasera al ‘Grande Fratello’.

Ieri Barbara D’Urso aveva annunciato a ‘Domenica Live’ che Serena Rutelli, attuale partecipante del ‘Grande Fratello’, ha ricevuto una lettera da parte della sua madre biologica. Infatti la giovane fu adottata da Francesco Rutelli e dalla moglie Barbara Palombelli quando era ancora bambina. Il fatto è che Serena è ancora ignara di tutto, e la sua reazione verrà scoperta nella puntata di questa sera, quando verrà informata di quanto accaduto. Solo allora sapremo se l’estetista vorrà approfondire la cosa oppure deciderà di ignorare il fatto. La vera madre di Serena Rutelli si è fatta viva solo ora che quest’ultima ha raggiunto una certa popolarità. Di questa lettera sono invece già a conoscenza Francesco Rutelli e la Palombelli. Di questo ne ha parlato proprio la D’Urso, dicendo: “Entrambi sanno di questa lettera da parte della vera mamma di Serena. E hanno detto che la cosa fa parte del percorso di crescita di quella che considerano comunque la loro figlia. Sarà Serena a scegliere il da farsi”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Serena Rutelli, la sua decisione nella puntata del Grande Fratello di stasera

Barbara D’Urso ha anche aggiunto che la madre biologica vive in condizioni di ristrettezza, proprio come quando fu costretta a lasciare sia Serena che Monica, l’altra sua figlia. Il padre naturale delle due le tenne in una casa famiglia e questa brutta situazione cessò quando entrambe vennero adottate dalla famiglia Rutelli. Proprio Monica ha parlato di questa cosa, svelando che “per la prima volta ci sentimmo amate. Ci portarono al luna park, ci sentivamo ricoperte di luce. Finalmente non eravamo più sole. All’inizio fummo comunque spaesate, io e mia sorella, e ci volle uno psicologo. Abbiamo iniziato a chiamare ‘mamma’ e ‘papà’ i Rutelli solo dopo diverso tempo”.