Gessica Notaro, condanna per l’ex che la sfregiò, e lei mostra le FOTO choc

gessica notaro
Dopo la condanna a Tavares, Gessica Notaro mostra queste immagini di se stessa

Gesto eclatante e significativo quello di Gessica Notaro, che su Facebook commenta la sentenza di Appello al suo ex che la sfregiò e mostra delle foto forti.

Gessica Notaro, la ragazzo sfregiata dal suo ex fidanzato il 10 gennaio 2017 con dell’acido gettatole in pieno viso, parla della condanna in Appello all’uomo. Lui si chiama Edson Tavares, è di origini capoverdiane ed aggredì la riminese per ripicca. Ieri la sentenza lo ha visto condannato al carcere per i prossimi 15 anni, cinque mesi e 20 giorni. E Gessica Notaro, che da allora ha iniziato una lunga lotta per tornare alla normalità, non solo dal punto di vista fisico ma anche da quello mentale, ha commentato il fatto sul suo profilo personale Facebook. “Nessuna frustrazione attenua la gravità. Giustizia è stata fatta. Solamente una parola.. GRAZIE”, ha scritto la ragazza. Accanto a queste frasi la romagnola ha postato anche due foto di se stessa. In esse la giovane si fa vedere con il volto completamente sfigurato.

LEGGI ANCHE –> Allegri Adani, Pistocchi: “Per Lele a Sky è finita”. E c’è il precedente di un anno fa – FOTO e VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gessica Notaro, le foto orribili di come venne ridotta dall’ex

Le foto furono scattate soltanto poco tempo dopo l’aggressione subita. Lì Gessica si fa vedere senza bende e con la faccia del tutto tumefatta e devastata dagli effetti nefasti dell’acido. Secondo la Corte di Appello di Bologna, dove si è celebrato il processo, “Edson Tavares aveva agito in maniera premeditata, con la ferma volontà di volerla punire privandola della sua speciale bellezza ed anche della sua stessa identità. Questo allo scopo di cancellarla agli occhi di chiunque. Non potendo possederla egli stesso, l’imputato voleva toglierla a chiunque altro. Nessuna frustrazione amorosa, per quanto dolorosa, può contribuire a attenuare la gravità della condotta qui in esame che, in quanto sostenuta da lucida preordinazione di mezzi e di modi, non si presta a inscriversi in un contesto emotivo sopraffattorio della razionalità”.