Home News Stasera in tv, Chi l’ha visto?: anticipazioni del 24 aprile

Stasera in tv, Chi l’ha visto?: anticipazioni del 24 aprile

CONDIVIDI
anticipazioni del 24 aprile
(Screenshot Video)

Questa sera andrà in onda su Rai Tre una nuova puntata del programma ‘Chi l’ha visto?’: ecco quali saranno i temi trattati oggi 24 aprile.

Questa sera andrà in onda su Rai Tre – in prima serata a partire dalle 21:20 – una nuova puntata dello storico programma di approfondimento di cronaca ‘Chi l’ha visto?‘. Federica Sciarelli ci guiderà all’interno di casi complessi, in cui persistono ancora delle domande irrisolte, solitamente legate ai moventi, alla ricostruzione della dinamica di un omicidio o alla sorte di una persona di cui si sono perse tracce. Agli approfondimenti si associa come sempre il momento dedicato agli appelli degli italiani: il programma, infatti, si fa promotore delle richieste di aiuto di famiglie alla ricerca di un parente scomparso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi l’ha visto?: anticipazioni del 24 aprile

Nel corso della puntata odierna di ‘Chi l’ha visto?’ si tornerà a parlare del caso Marco Vannini, ragazzo appena 20enne ucciso all’interno della casa della fidanzata. Le modalità con le quali è morto il giovane, infatti, rimangono tutt’ora un mistero: all’interno dell’appartamento c’era tutta la famiglia della fidanzata di Marco e ancora oggi non è chiaro come sia partito il colpo di pistola, chi lo abbia fatto partire e per quale motivo non siano stati chiamati immediatamente i soccorsi.

Il caso di omicidio è tornato di attualità negli ultimi mesi per una controversa sentenza d’Appello con la quale è stato declassato a “involontario” l’omicidio di Antonio Ciontoli e quindi ridotta la sua condanna a soli 5 anni. La procura di Roma ha presentato in questi giorni un ricorso alla Corte di Cassazione nel quale si chiede l’annullamento della sentenza di secondo grado poiché tutti i componenti della famiglia Ciontoli erano consapevoli della gravità della ferita di Marco e dunque il loro comportamento è stato omissivo.