CONDIVIDI
(websource/archivio)
Padre violenta figlia ma viene ammazzato: la moglie lo colpisce con quasi 200 coltellate, forse anche la ragazza (websource/archivio)

Un padre violenta figlia, e sembra che non fosse la prima volta. Ma di certo è stata l’ultima, visto che la moglie ne devasta il corpo in questo modo.

Padre violenta figlia e viene ucciso. Il drammatico scenario si è verificato in una località dell’argentina, alle porte della capitale Buenos Aires. La vittima, il 46enne Alberto Elvio Naiaretti, stava abusando della 18enne e più grande delle figlie avute dalla 38enne Paola Cordoba. Quest’ultima però non ha retto all’ennesimo caso di violenza domestica e si è scagliato contro l’uomo, ammazzandolo con una inaudita ferocia. Alla fine Naiaretti è morto dopo essere stato colpito da ben 185 coltellate. Sia la moglie della vittima che la primogenita hanno ammesso poi tutto alle forze dell’ordine, dicendo di aver agito per vendetta. L’arma del delitto è stato un coltello da cucina. Naiaretti è stato trafitto principalmente al petto ed alla pancia, le prime parti del corpo a capitare sotto il tiro della furia cieca della moglie.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Padre violenta figlia, “ma le vere vittime sono lei e la moglie”

Il 46enne sembra fosse un violento, che da anni sottoponeva tutti i componenti della sua famiglia a sevizie di ogni genere. Dopo una perquisizione della polizia, in casa è stato rinvenuto poi anche un altro coltello sporco di sangue. Segno che anche la figlia violentata potrebbe aver preso parte all’omicidio. Difatti anche quest’ultima è stata arrestata, al pari della madre. Naiaretti invece aveva a suo carico diverse denunce per violenza domestica. La sorella della moglie prende le difese delle due donne e parla di loro come se fossero le vere vittime di tutto questo. “Solo il giorno prima aveva minacciato di ucciderle”.