Home News Emiliano Sala, il mistero del secondo pilota: “Perché non è partito?”

Emiliano Sala, il mistero del secondo pilota: “Perché non è partito?”

CONDIVIDI

Emiliano Sala, arriva la tragica notizia sull’attaccante, ricerche sospese e lui non si trova, il mistero del secondo pilota: “Perché non è partito?”.

Emiliano Sala ricerche mistero
(Instagram)

Non c’è nulla da fare per Emiliano Sala, calciatore argentino appena acquistato dal Cardiff City, classe 1990. L’incidente aereo che lo ha coinvolto è avvenuto ormai tre giorni fa e già da ieri l’altro fonti ufficiali erano chiare: “Non ci sono speranze”. Al termine di una giornata complessa come quella di ieri, dove si erano aperte tiepide speranze, oggi è arrivata la secca conferma della polizia: le ricerche sono state definitivamente sospese.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sospese le ricerche di Emiliano Sala: perché il secondo pilota non partì?

Poco fa, è arrivato il comunicato ufficiale che sottolinea come le ricerche siano state vane e le speranze di trovare in vita l’attaccante sono pari a zero: la decisione è stata presa dal comandante della capitaneria di porto locale, David Barker. Questo in sintesi il comunicato: “Non siamo riusciti a trovare nessuna traccia dell’aereo, del pilota o del passeggero. Ci sono state 24 ore di ricerca continua, con 80 ore di volo con tre aerei e cinque elicotteri”. Insomma, ogni tentativo di recupero del Piper e dei membri dell’equipaggio è andato a vuoto: “Le possibilità che siano sopravvissuti sono estremamente remote”, si legge sul tweet pubblicato dalla polizia.

Ma in queste ore di angoscia emerge anche un fatto poco chiaro: a bordo del Piper Malibu partito da Nantes diretto verso Cardiff doveva esserci anche il secondo pilota, tale David Henderson. L’uomo, lunedì sera, insieme al pilota morto con Emiliano Sala e allo stesso attaccante, avrebbe superato tutti i controlli. Addirittura un sito francese lo ha dato per morto e lui è stato costretto a smentire: “Contrariamente a quanto detto dalla stampa, non sono morto! Non ero su quell’aereo…”. Ma perché il secondo pilota scelse di non partire? Una domanda legittima, soprattutto poiché Emiliano Sala nel suo ultimo messaggio fece capire che il Piper ‘cadeva a pezzi’.