X-Factor, Martina Attili accusata di plagio: “Cherofobia è copiata”

(Websource / archivio)

Molti fan hanno trovato una certa similitudine tra “Cherofobia” di Martina Attili e “Cascare Nei Tuoi Occhi” di Ultimo. Ma un video sembra fare chiarezza al riguardo.

Martina Attili non ha ormai bisogno di presentazioni per chi segue la scena musicale nazionale e soprattutto il mondo dei talent: la concorrente della dodicesima edizione di X-Factor si è presentata alle audizioni con il suo inedito Cherofobia, un brano che è stato molto apprezzato sia dal pubblico che dai giudici e continua a essere “cliccatissimo” su Youtube e non solo.

Leggi anche –> Martina Attili, Cherofobia e le accuse di plagio: anche Fedez cita Ultimo. 

Gli spettatori più attenti hanno però notare un particolare che sta sollevando un “caso” attorno al pezzo della giovanissima cantante delle Under donne: sembra infatti che la canzone sia molto simile al brano “Cascare Nei Tuoi Occhi” di Ultimo, contenuto nell’album Peter Pan pubblicato il 9 Febbraio 2018. Un piccolo caso a ridosso dell’appuntamento clou di X-Factor, in programma stasera.

Se si copiano almeno otto misure della canzone, la legge italiana prevede il reato di plagio. Ma la canzone di Ultimo ha solo quel pezzetto simile a quello di Martina. E, soprattutto, Attili si esibiva con il suo brano Cherofobia già nel 2017, come testimonia una clip sul suo profilo Facebook risalente a quel periodo. Vedere e ascoltare (di seguito riportiamo i tre video in questione) per credere.

Il testo di Cherofobia

Come te la spiego la paura di essere felici
quando non l’hanno capita nemmeno i miei amici?
Mi dicono di stare calma, quando serve
mi portano del latte caldo e delle coperte
ed è proprio quando stanno a parlare che vorrei gridare
“Grazie a tutti,
ora potete andare”,
ma resto qui
a guardare un film

Questa è la mia cherofobia.
No, non è negatività,
questa è la mia cherofobia.
Fa paura la felicità
Questa è la mia cherofobia,
ma tu resta

Come lo spiego quando nessuno ti capisce,
quando niente ti ferisce,
l’indifferenza più totale verso la forma astrale del male
abbiamo stretto un rapporto speciale
e provo a raccontarlo in ogni canzone,
ma la gente pensa sempre “Parli di altre persone.
Ma come tu così carina con la faccia da bambina,
con la voce da piccina”
E cerco ogni forma di dolore
mischiata al sangue col sudore
e sento il respiro che manca e sento l’ansia che avanza.
Fatemi uscire da questa benedetta stanza

Questa è la mia cherofobia.
No, non è negatività,
questa è la mia cherofobia.
Fa paura la felicità
Questa è la mia cherofobia,
ma tu resta.

EDS

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News