CONDIVIDI
nuovo governo salvini
(screenshot video)

Giro di consultazioni per la formazione del nuovo Governo: dopo il Movimento 5 Stelle, anche la Lega e Salvini ricevuti dal Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Nuove consultazioni al Quirinale, che confermano il lavoro di Movimento 5 Stelle e Lega per la messa a punto di quello che è stato definito un contratto di governo, in seguito all’accordo raggiunto qualche giorno fa. Alle 16.30 è salita al Colle la delegazione del Movimento 5 Stelle, guidata da Luigi Di Maio. Successivamente è toccato alla Lega con Matteo Salvini. Le due forze politiche stanno prendendo tempo e anche quello di oggi è stato un incontro interlocutorio. “Abbiamo aggiornato il presidente della Repubblica riguardo al contratto di governo”, erano state le parole di Luigi Di Maio, che aveva quindi chiarito che serve ulteriore tempo.

Leggi anche –> Di Maio e Salvini ministri: trattativa per il presidente del Consiglio

Le parole di Salvini dopo incontro con Mattarella

Era toccato poi a Matteo Salvini, uscito dalle consultazioni dopo le 18.30, aggiungere: “Stiamo facendo uno sforzo enorme”. Le grosse differenze programmatiche, ha spiegato Salvini, sono sul tema dei migranti e su quello della visione dell’Europa. “Bisogna sbloccare soldi che hanno dei vincoli esterni che non me lo permettono”, ha sottolineato ancora il leader della Lega. Quindi ha aggiunto: “Abbiamo chiesto qualche altra ora per vedere se si arriva una quadra”. Insomma, “non voglio prendere in giro il Presidente Mattarella e non vogliamo prendere in giro gli italiani”.

In un passaggio, vengono ringraziati Berlusconi e la Meloni, perché hanno consentito il dialogo con il Movimento 5 Stelle senza di fatto rompere l’alleanza di centrodestra, quindi Salvini su un punto è netto: “Se parte il governo, la Lega deve avere mano libera sulla sicurezza”. “In questo programma, stiamo inserendo molti punti che c’erano anche nel programma del centrodestra”, chiarisce ancora Matteo Salvini. E ha concluso: “Gli accordi un tanto al chilo non fanno per me, per cui ci rivedremo prima possibile o perché si comincia o perché ci si saluta”. Insomma, rispetto a quelle che erano state le parole più ottimistiche di Di Maio, Salvini si è mostrato molto più prudente. Nelle scorse ore, era stato indicato il nome di un altro ‘tecnico’, l’economista Giulio Sapelli. Ma il Movimento 5 Stelle ha poi smentito.

A cura di Gabriele Mastroleo