CONDIVIDI
Pantheon, Roma, pentecoste
Pantheon, Roma

È sempre stato un monumento ad ingresso libero: il Pantheon di Roma, lo spettacolare edificio con il suo caratteristico “buco” al centro da cui filtra la luce, ma anche la pioggia e il chiarore della luna, a partire da maggio avrà un biglietto di ingresso.

Si tratta di un biglietto simbolico di soli 2 euro, ma intanto, dal 2 maggio 2018 il Pantheon non sarà più aperto a tutti. A decidere per il biglietto di ingresso sono stati il Vicariato e il Mibact, concordando con il ministro della cultura Dario Franceschini e del Vicario per la Diocesi di Roma Mons. Angelo De Donatis. Perchè un biglietto, si staranno chiedendo in molti. La risposta è semplice e, a suo modo, sensata: con questi due euro che sono oggettivamente una spesa minima per un turista, il Mibact potrà fare cassa per garantire una manutenzione continua e anche una maggiore sicurezza per i turisti durante le visite. Ovviamente durante le funzioni religiose che ancora si tengono al Pantheon il biglietto d’ingresso è sospeso per i religiosi.

Nella nota diffusa dal Mibact si legge che il direttore generale Musei del Mibact, Antonio Lampis e il Camerlengo, Mons. Angelo Frigerio hanno modificato la Convenzione che disciplina l’accesso dei turisti al Pantheon al fine di “valorizzare e tutelare la Basilica di Santa Maria ad Martyres e del Pantheon e l’introduzione, a partire dal 2 maggio 2018, di un biglietto d’ingresso”.

Pantheon: curiosità

Il Pantheon è il monumento più visitato d’Italia e si trova vicinissimo a Piazza Navona, nel cuore della Capitale. La sua particolare forma a cerchio lo rende riconoscibilissimo oltre che celebre, e i romani sono soliti chiamarlo, amichevolmente “Rotonda”(da qui il nome della piazza antistante). Realizzato da Agrippa, nel 27 a.C., venne ricostruito da Adriano intorno al 100 d.C. a causa degli incendi numerosi che lo devastarono. La particolarità del Pantheon è la cupola che è essa stessa un’opera architettonica di valore incommensurabile. Al suo interno sono presenti alcuni affreschi di notevole pregio e le tombe di alcuni artisti (Raffaello Sanzio e Baldassare Peruzzi) e quella di Vittorio Emanuele II.

Monumenti di Roma: cosa vedere

Se avete in programma una vacanza a Roma ecco cosa non potete perdervi: