CONDIVIDI
incendi francia
Getty Images

Situazione Incendi in California 2017

Brucia la California in questo ottobre 2017 e si trasforma in un vero e proprio inferno in terra. Si parla di circa 25 incendi nel centro e nel nord del Paese che hanno ucciso almeno 10 persone. Ma i numeri di questa tragedia non si fermano qui: ci sono 100 feriti almeno, 1500 case distrutte, 50 persone sono rimaste imprigionate e soccorse con gli elicotteri e 100mila persone si trovano in questo momento senza elettricità e 20mila persone stanno evacuando in questo momento.

California, incendi: paura a Santa Rosa, Vigili del Fuoco a lavoro

Danni ovviamente anche all’ambiente con centinaia di ettari di vigna pregiata dei vini Napa e Sonoma completamente distrutti. Ma non basta, i danni sono ancora ingenti. A Santa Rosa è bruciato un intero Hilton Hotel e un parecheggio di roulotte dove vivevano circa 100 persone e tante altre infrastrutture sono andate a fuoco e sono state completamente distrutte. I Vigili del Fuoco sono così impegnati in circa otto contee e stanno affrontando una vera e propria lotta contro il tempo perchè i venti sono calati ieri, ma nella giornata di oggi, martedì, è previsto un nuovo giorno all’insegna del caldo e dei venti forti. Così, è ufficialmente stato di emergenza in California e a dichiararlo è stato il governatore Jerry Brown.

Incendi in California: da dove

Dopo il passaggio dei tre uragani l’America sembra non riuscire a chiudere questo periodo di disastri ambientali. Gli incendi pare siano cominciati nella serata di domenica, intorno alle 22 circa, ma non è chiaro ancora dove. Probabilmente, secondo le prime ricostruzioni, la prima zona ad essere coinvolta dalle fiamme è stata quella di Coal Canyon ad Anaheim nel sud di Los Angeles. Tutti si chiedono come sia successo: temperature troppo elevate o qualcuno ha appiccato le fiamme per primo? Non si sa ancora con precisione, ma una cosa è certa: a contribuire al propagare delle fiamme sono stati i venti terribili che soffiano qui chiamati anche Los Diablos. Ogni folata dei famosi venti di Santa Ana ha trasformato anche la più piccola scintilla in una miccia e così l’area interessata dall’incendio è diventata sempre più ampia.