Turismo | Vacanze sicure: nuovo servizio telefonico per i viaggiatori

VACANZE SICURE SERVIZIO NUMERO / ROMA – ‘Una telefonata allunga la vita’, diceva tempo fa un noto slogan pubblicitario. E una telefonata può rivelarsi indispensabile anche per non rovinarsi una vacanza e per non rischiare di trovarsi a fronteggiare situazioni pericolose mettendo a rischio, spesso e purtroppo, la propria incolumità e quella degli altri. “È ora che chi prepara le valigie abbia piena consapevolezza dei pericoli ai quali va incontro. È assurdo che si continuino a scegliere mete insicure. Il recente rapimento della donna nel deserto algerino impone una riflessione seria”  ha detto il ministro del Turismo Michela Brambilla che in collaborazione con la Farnesina ha istituito il nuovo servizio ‘Vacanze Sicure’. Chiamando il numero 039039039 si possono ricevere informazioni in tempo reale sulla situazioni di tutti i Paesi del mondo. Il servizio è disponibile in sette lingue, compreso russo e cinese. Il problema, secondo il ministro è la mancanza di conoscenza: “La prima cosa da fare quando si decide di partire è prendere informazioni esatte — insiste la Brambilla —. Dunque bisogna fare riferimento a fonti ufficiali. Troppo spesso vengono scelti luoghi sulla base di suggestioni e curiosità. Il caso della turista italiana rapita nel Sahara, i tumulti di piazza in Egitto e le tensioni politiche di altri Paesi africani e asiatici ripropongono con forza il problema dei viaggi in Paesi che in certi periodi andrebbero evitati, anche solo temporaneamente”. Informazioni ufficiali sono reperibili anche sul sito del Ministero degli Esteri, su viaggiaresicuri.com (a cui viagginews.com fa spesso riferimento) e su Dovesiamonelmondo.com.

Previous articleMostre | Firenze, da San Pietroburgo a Palazzo Pitti
Next articleOfferte | Con Easyjet voli in Italia a prezzo scontato
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.