ViaggiNews

Pasquetta in Molise: dove andare e cosa fare

mercoledì, 12 aprile 2017

Campobasso (iStock)

Segnaliamo alcune idee per la Pasquetta in Molise. La piccola regione è meta ideale delle gite di primavera, alla scoperta della sua bellissima campagna poco esplorata, dove si affacciano splendidi borghi e centri storici. Dopo le proposte per i viaggi di Pasquetta in Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia, ecco alcuni suggerimenti per il sottovalutato Molise.

Pasquetta in Molise: dove andare e cosa fare

Ecco i posti bellissimi da visitare in Molise a Pasquetta, tra montagna, colline, borghi, città e mare.

Visita delle città

Fontana Fraterna di Isernia (Wikipedia)

La visita del Molise può iniziare dalle sue città. Dai capoluoghi di Campobasso e Isernia, centri ricchi di storia e cultura. Qui trovate molti monumenti interessanti. Nel centro di Campobasso è da vedere l’imponente Castello di Monforte, del XV secolo, circondato da un parco, la vicina chiesa romanica di San Bartolomeo, la cattedrale e l’antico borgo medievale del centro storico. A Isernia potete visitare la spettacolare Fontana Fraterna, una delle più belle d’Italia, poi tante belle chiese, tra cui la cattedrale di San Pietro Apostolo, neoclassica con interni in stile barocco, e poco fuori la città l’Eremo dei Santi Cosma e Damiano. Un altro centro importante è Venafro, dove visitare la bella chiesa di Santa Maria Assunta e diversi musei e monumenti.

Visita ai borghi storici

Capracotta, panorama (lucio musacchio, CC BY 2.0, Wikicomons)

Il territorio del Molise è ricco di suggestivi borghi storici. Uno dei più famosi è quello di Capracotta, in provincia di Isernia, alto 1,421 metri sul mare, è il secondo comune più alto dell’Appennino dopo Rocca di Cambio. Da vedere anche Castelpetroso, sempre in provincia di Isernia, borgo di epoca normanna, dove si trova la Basilica Santuario di Maria Santissima Addolorata, grande edificio neogotico iniziato nel XIX secolo a seguito di alcuni apparizioni mariane e santuario più suggestivo d’Italia. Altri paesi da visitare sono Montenero di Bisaccia, Carovilli, paese presepe, Pietrabbondante, incastonata tra le rocce, Riccia, Bojano, Castel San Vincenzo, Larino, Sepino e Ferrazzano, da dove venivano i bisnonni paterni dell’attore italo-americano Robert De Niro.

Escursioni nell’entroterra

Torrente Quirino, Riserva regionale di Guardiaregia-Campochiaro, Molise (Nico72, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Il territorio del Molise è ricco di aree naturali suggestive, paesaggi aspri e selvaggi, dove passano gli antichi tratturi della Transumanza. Con il Lazio e l’Abruzzo condivide il Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise, mentre con la Campania condivide i Massiccio del Matese. Più della metà della superficie della regione è montuosa, occupata dall’Appennino Abruzzese e da quello Sannita. Al confine con Abruzzo e Lazio sorgono i Monti della Meta, un’altra bella zona paesaggistica. Il Molise ospita anche diverse Oasi, una delle più belle è la Riserva regionale di Guardiaregia-Campochiaro, zona di boschi, torrenti e sentieri affascinanti in mezzo alla natura.

Visita alle aree archeologiche

Saepinum romana (Adam, CC BY 3.0, Wikipedia)

Pasquetta in Molise è anche l’occasione per andare alla scoperta delle numerose aree archeologiche della regione. Tra queste segnaliamo Isernia La Pineta, un sito archeologico del Paleolitico risalente a circa 700.000 anni. Da vedere sempre ad Isernia l’acquedotto romano. Mentre in provincia di Campobasso a Sepino c’è l’area archeologica di Saepinum, con il villaggio sannita (Terravecchia o Saipins) e la città romana (Saepinum-Altilia). Da visitare nei pressi di Pietrabbondante l’antico insediamento che fu il più importante santuario e centro politico dei Sanniti tra il II secolo a.C. e il 95 a.C. Un altro sito archeologico importante, sia preromano che romano, è quello della città di Larinum, sempre in provincia di Campobasso. Da vedere a Venafro (Isernia) l’acquedotto e il teatro romano.

Visita alla costa

Termoli (Antonio Raspa, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

La costa del Molise è pianeggiante e sabbiosa. Il centro principale è quello di Termoli, bella cittadina con il centro storico formato da un borgo medievale con mura storiche affacciate sul mare. Qui potete visitare il bel Castello Svevo, del XIII secolo, e la cattedrale romanica di Santa Maria della Purificazione. Da non perdere le suggestive torri di avvistamento costiere del Regno di Napoli, soprattutto la Torre del Sinarca. Termoli è una importante città balneare, con una spiaggia cittadine, e dal suo porto partono i traghetti per le Isole Tremiti.

VIDEO: Molise

Tags:

Altri Articoli Interessanti: