Via le restrizioni anti-Covid, ecco come si semplifica la vita degli italiani

Da sapere: via le restrizioni anti-Covid, ecco come si semplifica la vita degli italiani. Tutte le ultime novità.

Termina l’obbligo di mascherina protettiva nei casi in cui era ancora rimasto in vigore. Inoltre, arrivano nuove semplificazioni alle regole di viaggio.

via restrizioni anti-covid
Via le restrizioni anti-Covid, ecco come si semplifica la vita degli italiani (Adobe Stock)

La vita degli italiani diventa più facile con la rimozione degli ultimi obblighi di prevenzione anti-Covid. Ne resteranno davvero pochissimi, solo nelle strutture sanitarie.

Allo stesso tempo, si allentano alcune restrizioni di viaggio per quanto riguarda i viaggi in crociera. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Via le restrizioni anti-Covid, ecco come si semplifica la vita degli italiani

Il 30 settembre è stato l’ultimo giorno di obbligo di mascherina sui mezzi di trasporto in Italia. Il governo ha deciso di non prorogare l’obbligo, lasciandolo decadere alla sua naturale scadenza.

Dallo scorso 15 giugno, infatti, quando le mascherine protettive hanno cessato di essere obbligatorie nei luoghi pubblici al chiuso (anche se in alcuni sono ancora raccomandate), il governo aveva mantenuto l’obbligo sui mezzi di trasporto esclusi gli aerei.

Dunque, fino al 30 settembre, le mascherine erano ancora richieste per viaggiare a bordo di treni, a lunga percorrenza e regionali, autobus e metropolitane. La mascherina richiesta era la Ffp2, quella maggiormente protettiva.

Invece, l’obbligo di mascherina rimane per almeno un altro mese, fino al 31 ottobre, all’interno degli ospedali e delle strutture sanitarie, sociosanitarie e socioassistenziali, comprese quelle di ospitalità, lungodegenza e le Rsa. In questi luoghi la mascherina va indossata da lavoratori, utenti e visitatori. Ricordiamo anche che in queste strutture è ancora obbligatorio il Green pass rafforzato fino al 31 dicembre. Unico caso in cui è ancora in vigore il Green pass.

Come abbiamo visto, poi, la mascherina è richiesta in alcune università. Non si tratta di un obbligo nazionale, perché il dispositivo di protezione no è più obbligatorio nelle scuole né negli altri istituti, ma di una scelta a discrezione dei singoli atenei.

Regole per le crociere

Altre novità, riguardano la semplificazione delle regole sanitarie sulle navi da crociera. Dal 1° ottobre, a bordo delle navi di MSC in partenza dai porti del Mediterraneo, del Nord Europa, del Mar Rosso, dei Caraibi e delle Antille per i passeggeri non è più obbligatoria la vaccinazione anti-Covid. Come riporta TTG Italia.

Inoltre, i passeggeri vaccinati non dovranno più presentare l’esito negativo di un test Covid. L’obbligo di tampone negativo, dunque, resta solo per i passeggeri non vaccinati, anche per quelli con l’esenzione. Il test va effettuato entro le 48 ore prima dell’imbarco.

Comunque, in generale, sia la vaccinazione che il tampone sono misure che restano raccomandate.

via restrizioni anti-covid
Crociera MSC (Foto: Stefano Garau – stock.adobe.com)

Invece, per i passeggeri che viaggiano con navi da crociera negli Emirati Arabi Uniti e in Qatar, resta obbligatoria la vaccinazione completa dai 16 anni di età. Il tampone non è obbligatorio ma solo consigliato per questi viaggiatori. Invece è richiesto ai minori di 16 anni non completamente vaccinati.

Per le crociere Msc World Cruise o Grand Voyages è richiesta la vaccinazione completa dai 12 anni in su. Mentre il tampone negativo è richiesto ai  bambini dai 5 anni.