Meteo, a sorpresa torna il caldo africano: temperature roventi, quanto dura

Le previsioni meteo per i prossimi giorni di agosto. Cosa ci aspetta, le temperature e quanto dura il caldo

Pensavamo di essercelo definitivamente tolto di mezzo, invece il caldo africano torna sull’Italia. Dopo giornate decisamente fresche e caratterizzate anche da diffuso maltempo, l’anticiclone subsahariano torna ad espandersi fino al nostro Paese. I termometri torneranno così a salire vertiginosamente fino a 43 gradi!

Le previsioni meteo ci rincuorano, però. Sarà infatti una fiammata intensa, ma veloce e non interesserà tutte le regioni. Anzi l’Italia nei prossimi giorni sarà sempre più spaccata in due. Ma per chi le vacanze deve ancora farle, non c’è da temere: l’estate sarà ancora lunga.

Meteo prossimi giorni: torna il super caldo

Aria bollente e afa insopportabile ecco il ben poco gradito biglietto da visita dell’Alta Pressione africana. E in questa seconda metà di agosto l’anticiclone chiamato sovente con nomi spaventosi – Apocalisse o Lucifero – torna a farci boccheggiare.

Dal Sahara masse d’aria rovente si estenderanno raggiungendo l’Italia. A farne maggiormente le spese saranno le regioni del Sud, soprattutto la Sicilia e la Sardegna. Ma anche il Centro Italia vedrà la colonnina di mercurio risalire sensibilmente. Questa fiammata africana inizierà nella giornata di mercoledì 17 agosto e durerà fino al weekend quando verrà poi stemperata dall’aria più mite dell’Anticiclone delle Azzorre.

Dunque questa ondata di caldo sarà fortunatamente più breve del solito, ma comunque intensa. I valori più alti si registreranno in Sicilia dove sono attesi ben 43 gradi in tutta la zona di Palermo e di Siracusa. Caldissimo anche in Puglia, Calabria e Basilicata dove i termometri raggiungeranno i 40 gradi. Ma l’afa farà sentire ancora più caldo: a Palermo la temperature percepita è di 5 gradi più alta!

Caldissimo anche nelle regioni centrali soprattutto per via dell’umidità che aumenterà notevolmente la sensazione di caldo. A Roma il termometro segnerà massime di 36 gradi, ma il caldo percepito sarà di 40 gradi! Stessa situazione a Firenze con una sensazione di calore di 4 gradi in più rispetto alla temperatura rilevata: dunque da 35 a 39 gradi. Anche la pianura padana subirà un netto rialzo termico: a Bologna si toccheranno i 34 gradi con una percezione di 37 gradi.

Sul resto del Nord la situazione sarà decisamente più fresca: l’anticiclone africano infatti non riuscirà a raggiungere le regioni settentrionali dove i termometri si attesteranno sui 30 gradi.

Quanto durerà il caldo africano

Questa fiammata africana di dopo ferragosto raggiungerà il suo apice giovedì 18 agosto per poi diminuire nel corso del weekend. Da venerdì 19 al Centro Italia sono attese delle perturbazioni che oltre a portare pioggia faranno scendere subito le temperature intorno ai 30 gradi.

L’aria più fresca raggiungerà nel corso del weekend anche il Sud Italia dove grazie alle correnti settentrionali l’aria diventerà più respirabile. Il nostro Paese sarà poi governato nel weekend dall’Alta Pressione delle Azzorre che ci farà vivere giornate di piacevole caldo. Ma aprirà anche le porte a possibile perturbazioni nella prima parte della prossima settimana. Solo l’ultima settimana di agosto sarà più stabile regalando ai vacanzieri dell’ultimo minuto qualche giornata davvero piacevole.

Insomma, per quanto il gran caldo farà questo ritorno sull’Italia sarà breve. Qualche giorno di pazienza (e condizionatori accesi) e poi si potrà tornare a godere degli ultimi scampoli di estate.

 

Previous articleCalendario scolastico 2022/23: quando ricomincia la scuola e tutte le vacanze
Next articleTutti i ponti 2022/23 per andare in vacanza: quest’anno fino a 10 giorni
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.