Viaggi in crociera: addio al tampone prima dell’imbarco

Le novità sui viaggi in crociera: addio al tampone prima dell’imbarco per alcune compagnie, ecco quali e dove.

Arrivano novità sulle misure sanitarie per i viaggi in crociera. Diverse compagnie di navigazione hanno deciso di non chiedere più ai passeggeri il tampone prima dell’imbarco.

viaggi crociera tampone
Viaggi in crociera: addio al tampone prima dell’imbarco (Adobe Stock)

Per il momento si tratta solo di alcune compagnie e solo su alcuni itinerari. Un allentamento sperimentale delle misure sanitarie per agevolare i viaggi in crociera e alleggerire le incombenze a carico dei passeggeri.

La ripresa della pandemia con la nuova forte ondata di contagi in piena estate potrebbe, tuttavia, cambiare ancora le regole. Nel frattempo, scopriamo quali compagnie da crociera e per quali itinerari non è più o non sarà più obbligatorio il tampone prima di imbarcarsi.

Ricordiamo anche che il tampone non è più richiesto per entrare in Australia, nemmeno ai non vaccinati.

Viaggi in crociera: addio al tampone prima dell’imbarco

Si riducono le misure di prevenzione anti-Covid a bordo delle navi da crociera, i luoghi dove a inizio pandemia si erano registrati i più ampi focolai. Dopo l’introduzione di rigide regole restrittive per permettere la ripresa delle crociere in sicurezza, arrivano ora gli allentamenti degli obblighi per i passeggeri.

La principale misura di sicurezza sanitaria ad essere abbandonata è il tampone negativo richiesto ai passeggeri prima dell’imbarco a bordo delle navi. A dire addio all’obbligo di tampone è la compagnia Holland America Line, che non richiederà più il test Covid-19 negativo per alcuni itinerari di crociere in Europa. Come riporta TTG Italia.

La compagnia ha deciso di non chiedere più ai suoi passeggeri il tampone negativo prima dell’imbarco sulle navi in partenza da Rotterdam già dal 10 luglio scorso e per il 17 luglio prossimo, così come per la partenza da Amsterdam il 24 luglio.

Le nuove regole

I passeggeri non dovranno più fornire la prova della negatività al virus, così come avviene per l’ingresso nella maggior parte dei Paesi europei, come l’Italia che ha abolito il Green pass per i viaggiatori dall’estero dal 1° giugno scorso. Infatti, la compagnia di navigazione ha spiegato che l’abbandono del test negativo pre-imbarco è stato deciso per allineare i protocolli sanitari a quelli dei Paesi visitati.

Comunque, rimane l’obbligo di vaccinazione per salire a bordo delle navi di Holland America Line. Tutti passeggeri sopra i 12 anni devono aver completato il ciclo vaccinale e quelli dai 18 anni in su devono aver ricevuto anche la terza dose booster se hanno ricevuto l’ultima dose del ciclo vaccinale iniziale da più di 270 giorni.

Invece, la compagnia Norwegian Cruise Line dirà addio al tampone negativo prima dell’imbarco dal 1° agosto prossimo. Anche in questo caso la decisione è presa per uniformarsi alle politiche sui test dei singoli Stati. Comunque, l’obbligo di tampone sulle navi a crociera resterà nei casi in cui fosse richiesto dalle norme locali dei Paesi visitati. Le nuove regole si applicheranno anche alle compagnie Oceania Cruises e Regent Seven Seas, che insieme a Norwegian Cruise Line appartengono al gruppo NCLH.

Cosa aspettarsi per il futuro

Nel frattempo, tra la fine di giugno e gli inizi di luglio era stato già sperimentato l’imbraco senza obbligo di tampone a bordo della nave Iona del gruppo P&O Cruises, per il mercato britannico. Una sperimentazione che sarà in vigore fino al 23 luglio. Come riporta The Medi Telegraph.

L’abbandono del test negativo al Coronavirus prima dell’imbarco potrebbe essere esteso ad altre navi del gruppo così come ad altre compagnie di navigazione. Tutto dipenderà anche dall’andamento della pandemia.

Nel frattempo, il tampone negativo pre-imbarco è ancora obbligatorio per le partenze delle crociere dalla Grecia e per quelle da Stati Uniti, Canada e Bermuda.

viaggi crociera tampone
Viaggi in Crociera (Adobe Stock)