I 3 posti +1 da sogno dell’Umbria dove avere un po’ di fresco

Dove andare in estate in Umbria vicino Roma: 3 posti + 1 dove rinfrescarsi. Luoghi facilmente raggiungibili e bellissimi

Quando le temperature salgono e diventano bollenti andate in Umbria. Nel cuore verde d’Italia troverete infatti dei luoghi bellissimi dove poter godere di un po’ di piacevole fresco. E anzi addirittura troverete il posto più fresco del Centro Italia.

Fonti del Clitunno, uno dei posti più belli e freschi dell’Umbria

Il verde della natura e l’azzurro dell’acqua crea un connubio spettacolare che rinfresca anche solo la vista. In Umbria terra rigogliosa ci sono dei luoghi dove poter ammirare quest’unione. Posti perfetti dove andare in estate per una rilassante e rinfrescante giornata.

Dove andare in Umbria in estate: 3 posti+1 per avere il fresco

Se pensate che l’unico modo per scappare dalla calura estiva sia andare al mare vi sbagliate di grosso. La brezza marina sicuramente è piacevole, ma alberi, ruscelli e cascate possono essere ben più rinfrescanti.

L’Umbria ha luoghi meravigliosi, una natura lussureggiante, borghi incantevoli e posti perfetti per l’estate. Abbiamo scelto 3 posti in cui rinfrescarsi quando le temperature salgono.

  • Le fonti del Clitunno
  • Cascate delle Marmore
  • Mole di Narni
  • Castelluccio di Norcia

Il paradiso della natura: le fonti del Clitunno

Un’oasi meravigliosa dove si incontrano anatre e cigni, un laghetto dai mille riflessi, rivoli e cascate, e una sorgente di acqua che sgorga dalla nuda roccia. Ecco le Fonti del Clitunno, il parco naturalistico, che si trova a due passi dal borgo di Campello sul Clitunno in direzione Spoleto. Qui la natura è lussureggiante e vi troverete a passeggiare su ponticelli e ad ammirare un luogo incantevole e molto ombreggiato.

La magnificenza delle Cascate delle Marmore

Volete dell’acqua? Ecco qui ne avrete quanta volete. Le Cascate delle Marmore in provincia di Terni sono le cascate artificiali più grandi d’Europa e tra le più alte del mondo. Siamo nella Valnerina dove il fiume Velino si getta nelle gole del Nera creando questo spettacolo eccezionale. Un natura rigogliosa di macchia Mediterranea e un’impressionante portate d’acqua.
L’area delle Cascate è attrezzata con sentieri e numerosi servizi. Il periodo migliore per visitare le Marmore è in primavera quando la portata è al suo massimo, ma anche in estate lo spettacolo è garantito.

Il fresco delle Gole del Nera e la Mole di Narni

Nella zona di Terni a due passi da Narni si trovano le Gole del Nera. Lungo il corso del fiume troviamo poi la Mole di Narni, ovvero una piscina naturale dai colori sgargianti in mezzo alla natura. Un posto paradisiaco. L’acqua è molto fredda e la balneazione sconsigliata per via delle improvvise piene. Ma già solo la vista vi rinfrescherà. Poco più avanti l’incantevole borgo di Stifone proprio sul fiume.

Castelluccio di Norcia, il posto più fresco del Centro Italia

Se quello che cercate è il fresco, quello vero, quello delle temperature basse allora dovete andare a Castelluccio di Norcia. Questo incantevole borgo umbro celebre per la fioritura dei suoi campi di lenticchia vanta temperature in estate davvero invidiabili. Mentre nella Capitale si soffre con 38 gradi, a Castelluccio il termometro segna appena 21 gradi. Merito dell’altitudine 1452 metri sul livello del mare e della sua posizione che lo rende ben ventilato anche in piena estate.

In Umbria in piena estate per avere il fresco

L’Umbria con i suoi splendidi boschi, le sue colline e i suoi specchi d’acqua è un paradiso anche in piena estate. Al Lago Trasimeno potrete anche farvi il bagno e rinfrescarvi dunque nelle sue splendide acque. In Umbria dunque per scappare dal caldo!

Previous articleRyanair conferma lo sciopero di luglio: le modalità, come funziona
Next articleIl paradiso per le immersioni si trova in Italia ed è spettacolare
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.