L’Isola di Pasqua non vuole più i turisti

L’Isola di Pasqua non vuole più i turisti. Cosa è successo, le ultime notizie.

isola di pasqua turisti
L’Isola di Pasqua non vuole più i turisti (I Moai. Adobe Stock)

Isolati dal resto del mondo a causa della pandemia, gli abitanti dell’Isola di Pasqua hanno scoperto di stare così bene da non volere più i turisti sulla loro isola in mezzo all’Oceano Pacifico.

Si tratta della risposta che gli isolani hanno dato a un referendum sulla riapertura al turismo internazionale, dopo la lunga chiusura a causa della pandemia. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Dove si può andare all’estero: regole fra Green Pass e tamponi

L’Isola di Pasqua non vuole più i turisti

Vade retro turisti. L’Isola di Pasqua, famosa in tutto il mondo per i suoi Moai, le misteriose e giganti statue in pietra monolitica, potrebbe tornare all’epoca in cui era lontanissima dal resto del mondo. Durante la pandemia, infatti, Rapa Nui è tornata ad essere di nuovo un luogo veramente isolato. Una situazione che deve essere piaciuta agli abitanti, che hanno risposto no a un referendum che si è tenuto domenica 24 ottobre sulla riapertura dell’isola ai turisti. Non li vogliono proprio, almeno ora.

A lungo risparmiata dalla pandemia, l’Isola di Pasqua ha avuto pochissimi contagi di Covid-19: appena 8 casi su 10.000 abitanti e nessun morto. L’ultimo caso risale a settembre 2020. Si capisce, dunque, perché la maggioranza degli elettori, il 67%, ha votato contro l’ipotesi di riaprire ai flussi turistici. Quasi 7 elettori su 10. Il risultato della consultazione è stato riportato dai media francesi.

Va detto, però, che le urne del referendum sono state disertate dalla popolazione. Su 10mila abitanti, solo 972 sono andati a votare, meno del 20% degli aventi diritto. Come riferisce L’OBS. Segno che il tema non importava più di tanto agli abitanti dell’Isola di Pasqua.

Leggi anche –> Le isole Fiji riaprono ai turisti internazionali, quando visitarle

Scenari futuri

Comunque, il risultato del referendum non è vincolate. Alla fine sulla eventuale riapertura ai turisti internazionali dell’Isola di Pasqua deciderà l’autorità sanitaria di Valparaiso, in Cile, il Paese a cui l’isola appartiene. Di certo c’è che la maggior parte degli elettori, circa due su tre, ha espresso contrarietà al progetto. Almeno per il momento.

Poiché con l’autunno i contagi da coronavirus Sars-Cov-2 stanno risalendo in tutta Europa, forse aspettare prima di riaprire ai turisti non è una così cattiva idea. La riapertura, comunque, non sarebbe stata immediata ma era prevista a gennaio 2022. Gli abitanti dell’Isola di Pasqua non vedono un turista da marzo 2020.

Il turismo è una parte fondamentale dell’economia dell’Isola di Pasqua e in quasi due anni gli abitanti hanno dovuto arrangiarsi. A qualcuno va bene così, le autorità invece premono per la riapertura al turismo.

Leggi anche –> Tunisia: arriva il Green pass obbligatorio per tutti

isola di pasqua
Isola di Pasqua (Adobe Stock)