Covid, nessun cambio di colore per le Regioni

Covid, nessun cambio di colore per le Regioni. In calo indice Rt e incidenza dei contagi.

covid colore regioni
Covid, nessun cambio di colore per le Regioni (Foto di Gabriella Clare Marino su Unsplash)

Dati incoraggianti dall’ultimo monitoraggio settimanale sull’epidemia di Covid-19 della Cabina di regia del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità.

I contagi sono in calo. L’indice di trasmissibilità Rt si mantiene stabilmente sotto 1 e scende ancora, a 0,82, mentre l’incidenza su 100mila abitanti scende sotto i 50 casi settimanali, a 45 casi, a livelli da zona bianca.

Una situazione molto positiva che conferma l’efficacia dei vaccini nel contenere i contagi e soprattutto i casi gravi. Grazie al miglioramento generale dei dati, lunedì 27 settembre nessuna Regione cambierà colore, dopo che la Calabria aveva rischiato la settimana scorsa. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Green pass nei luoghi di lavoro: uscito il decreto, le novità

Covid, nessun cambio di colore per le Regioni

Il monitoraggio settimanale dell’epidemia di Covid in Italia, riferito alla settimana dal 13 al 19 settembre e presentato ieri dalla Cabina di regia del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, presenta ottimi dati sulla situazione epidemiologica, confermando il calo dei contagi, dei ricoveri e dei decessi.

L’incidenza settimanale dei contagi a livello nazionale è scesa a 48 casi ogni 100 mila abitanti, rispetto al 54 della scorsa settimana. Un dato da zona bianca. Mentre la trasmissibilità stimata sui casi sintomatici e sui casi con ricovero ospedaliero è sotto la soglia epidemica. L’indice Rt medio nazionale, riferito al periodo 1 – 14 settembre e calcolato sui casi sintomatici, è sceso a 0,82 rispetto alla settimana precedente quando era 0,85.

Il tasso di occupazione delle terapie intensive dei malati di Covid è sceso al 5,7%, a livello nazionale, rispetto al 6,1% della settimana passata. Il tasso di occupazione in aree mediche, a livello nazionale, è sceso al 6,8% rispetto al 7,2% della settimana scorsa.

Nel frattempo, dal bollettino giornaliero pubblicato venerdì 24 settembre, il numero totale di pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia è sceso sotto le 500 unità, a 489 casi.

Dal monitoraggio settimanale, inoltre, risulta che tutte le Regioni e Province Autonome sono classificate a rischio epidemico basso e nessuna presenta un rischio epidemico alto.

Leggi anche –> Green pass sulle piste da sci: le nuove regole per l’apertura degli impianti

Le Regioni

Sulla base di questi dati, più che buoni, nessuna Regione o Provincia Autonoma cambierà colore, nella ripartizione delle aree di rischio, la prossima settimana. Tutte resteranno in zona bianca, tranne la Sicilia che rimarrà ancora per una settimana in zona gialla.

La Sicilia vede migliorare i suoi dati, con la riduzione dei ricoveri in terapia intensiva sotto la soglia critica del 10%, al 9,8%, ma per poter tornare in zona bianca deve mantenere questi dati per due settimane consecutive. Poiché il miglioramento si è avuto solo nell’ultima settimana, se il buon andamento dell’epidemia sarà confermato anche per la prossima, lunedì 4 ottobre la Sicilia tornerà in zona bianca.

I dati sull’ultimo monitoraggio settimanale dei contagi: www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus

Leggi anche –> Green pass in Vaticano: sarà obbligatorio per entrare nel piccolo Stato

Quali sono le regioni che rischiano di passare in giallo
Regioni rischio Covid Italia – AdobeStock