Rosmarino nella pasta con le vongole: tentano di aggredire il cuoco

Tentano di aggredire il cuoco di un ristorante perchè aveva messo il rosmarino nella pasta con le vongole. L’accaduto.

Rosmarino nella pasta con le vongole, aggrediscono lo chef
Rissa sfiorata per il rosmarino nella pasta col pesce – Pixabay

Il caldo sta facendo girare la testa? Possibile visto quanto accaduto domenica 11 luglio a Porto Recanati dove i clienti di un ristorante hanno cercato di aggredire lo chef che aveva messo del rosmarino nella pasta alle vongole. Passi la tradizione e il rispetto delle ricette tradizionali, ma questa reazione è veramente esagerata. Alla fine, fortunatamente, i clienti hanno lasciato il ristorante senza aver aggredito nessuno e si sono “accontentati” di una recensione negativa per il locale. Ma vediamo cosa è accaduto.

Rosmarino nella pasta con le vongole: i clienti si infuriano

A raccontare l’accaduto è Il Messaggero che riporta come due coppie di Spoleto, durante un pranzo domenicale a Porto Recanati in un ristorante della città abbiano tentato di aggredire il cuoco. Tutto sembrava normale, ma il titolare del locale, ha raccontato che i 4 si sono infuriati per via della presenza del rosmarino nella pasta con le vongole. A detta del proprietario del ristorante molto probabilmente si è trattato di un escamotage per non pagare il conto e per farsi decurtare dal totale il prezzo dei piatti.

Prima il tono di voce alzato contro i camerieri, poi le urla e infine il tentativo di aggredire proprio il cuoco sostenendo che il condimento non andava bene. I 4 si sono diretti verso la cucina, ma come ha raccontato il titolare lui stesso e altri inservienti si sono  parati davanti alla porta di servizio per non far entrare i clienti.

La chiamata alle forze dell’ordine

Ovviamente il titolare ha raccontato di aver chiamato le forze dell’ordine che purtroppo pare fossero impegnati altrove. Così alla fine la situazione si è, fortunatamente calmata da sola. I clienti si sono decisi a pagare il conto e hanno lasciato solo un po’ di spavento, trambusto e una recensione negativa. Ora il titolare è indeciso se sporgere o meno denuncia per quanto accaduto.