Piera Maggio, la rabbia sul testimone sordomuto Battista scartato dalle indagini

Il caso di Denise Pipitone ancora al centro della puntata di oggi di “Chi l’ha visto?”. Ecco le parole di Piera Maggio sul testimone Battista Della Chiave.

piera maggio

Nella puntata di questa sera di “Chi l’ha visto?”, Federica Sciarelli è tornata a parlare del caso Denise Pipitone, scomparsa il 1 settembre di 17 anni fa, invitando in studio la mamma Piera Maggio e l’avvocato Giacomo Frazzitta. Dopo aver delineato punto per punto il caso e come si è sviluppato, il programma ha ripercorso alcune tappe importanti come il caso di Battista Della Chiave, l’anziano sordomuto che diceva di aver visto Densie col nipote mentre la portava via. Ecco cosa ha detto la mamma sulla questione.

Piera Maggio: “Andava trattato in modo delicato”

Battista Della Chiave è un personaggio molto importante nel caso Denise Pipitone: un signore sordomuto che ha detto di aver visto Denise in compagnia del nipote, mentre la portava via con un motorino. L’uomo non è stato considerato poi un testimone nel processo e la cosa è andata in fumo. Perché, come ha spiegato in studio a “Chi l’ha visto”, l’avvocato Giacomo Frazzitta, era stato fatto un incidente probatorio in cui Battista avrebbe dovuto testimoniare contro il nipote ma che ha poi deciso di non rispondere.

Leggi anche–> Denise Pipitone come Cucchi: “Chi sa qualcosa nelle forze dell’ordine parli”

Federica Sciarelli ha chiesto a Piera Maggio una battuta sulla questione Battista Della Chiave: “Chiarire, almeno capire quello che realmente è successo. In questo caso abbiamo un signore lasciato in balia della famiglia stessa, non dimentichiamo che accusava lo stesso nipote che entrava e usciva dalla sua casa. Quindi è un qualcosa di molto delicato, andava magari trattato in un modo più delicato, cercare di agire da subito. Tuttora me lo chiedo.

Leggi anche–>Denise Pipitone, spunta un nuovo video: la novità dell’ultima ora

La traduttrice della lingua dei segni di “Chi l’ha visto?” ha stabilito che il signor Della Chiave non era affatto analfabeta, come la famiglia aveva dichiarato. “Il sordo in questione (Della Chiave, ndr) utilizza la lingue dei segni accompagnata da una gestualità molto marcata, quindi non c’è dubbio sulla capacità di comunicazione. Utilizza dei segni molto chiari, la bambina, il motorino, i carabinieri. Ha una buona capacità di comunicazione

piera maggio