Morte Daniel Guerini, l’ipotesi di omicidio: novità dalle indagini

Daniel Guerini: una promessa del calcio scomparsa troppo presto. Al momento si indaga per omicidio. Analizziamo la vicenda.

Un talento scomparso troppo presto. Una vera e propria tragedia che ha strappato alla vita un giovane di soli 17 anni. La dipartita di Guerini è stata come un fulmine a ciel sereno.

Erano le 20 di mercoledì quando l’auto del ragazzo si è scontrata violentemente contro una Mercedes. Una vicenda che ha scosso profondamente il mondo del calcio. Nonostante lo choc, le indagini proseguono. Ecco cos’è emerso.

Daniel Guerini, la svolta nelle indagini: ecco cos’è successo

Il violento scontro è avvenuto su una strada alla periferia di Roma, in viale Palmiro Togliatti. La Smart sulla quale viaggiava il ragazzo non ha resistito allo schianto contro la Mercedes Classe A. Il veicolo di Guerini si è ribaltato e il corpo del giovane calciatore è stato sbalzato fuori per rimanere tragicamente schiacciato dall’auto che ha continuato a carambolare.

Leggi anche -> Daniel Guerini, chi era il giovane calciatore della Lazio: l’ultima partita

Insieme a Guerini c’erano anche due amici che sono stati prontamente trasportati in ospedale. Uno dei due è ricoverato in prognosi riservata. Le Forze dell’Ordine stanno continuando ad indagare sulla vicenda. Mentre si controllano le immagini di videosorveglianza e si analizza l’asfalto, la procura di Roma ha deciso di aprire un fascicolo per omicidio stradale a carico di ignoti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Verrà disposta anche un’autopsia sul corpo di Guerini. Nel frattempo le analisi del manto stradale hanno fatto emergere dissesti e deformazioni a causa di alcune radici di pino.

Leggi anche -> Lazio e il caso tamponi: oggi parte il processo: cosa rischia il club

La famiglia del ragazzo è sotto choc e a loro si stringe non solo la squadra della Lazio ma anche l’interno mondo del calcio. Arriva un messaggio anche dal presidente Lotito che organizzerà i funerali. Parlano anche Ciro Immobile e Francesco Acerbi: “Riposa in pace Daniel”, “Ciao Daniel”. Poche parole che mostrano quanto questa vicenda abbia toccato profondamente il mondo sportivo.