Rifiuta il vaccino, operatrice di una casa di riposo infetta sei anziani

Un’operatrice sanitaria impiegata in una casa di riposo rifiuta di sottoporsi al vaccino anti covid e infetta sei anziani.

Sta facendo molto discutere quanto accaduto in una casa di riposo di Cesena. Un’operatrice sanitaria che aveva rifiutato di sottoporsi al vaccino anti-covid, la scorsa settimana ha cominciato manifestare i sintomi d’infezione e venerdì si è sottoposta al tampone per verificare se aveva preso o meno il Covid-19. Il tampone è risultato positivo e l’operatrice è stata opportunamente isolata per evitare che diffondesse il contagio tra i pazienti.

Dal giro di tamponi eseguito dopo la scoperta della positività dell’operatrice, si è scoperto che anche sei pazienti in cura nella casa di riposo hanno contratto il virus. La struttura si è dunque isolata, interrompendo per il momento le visite dei parenti nella stanza degli abbracci. I sei pazienti contagiati avevano già concluso il secondo giro di vaccinazione, il che fa sperare che il contagio non porti a conseguenze spiacevoli.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche ->Situazione tragica in Piemonte: ricoverati solo i Covid, “non ci sono letti”

Operatrice rifiuta il vaccino e contagia sei pazienti: “Vaccinarsi è un dovere morale”

In seguito a quanto accaduto l’Ausl locale ha aperto un’indagine per capire se ci fosse correlazione tra la positività dell’operatrice e quella dei pazienti. Da questa è risultato che proprio lei potrebbe essere stata l’origine del focolaio all’interno della struttura. Per fortuna al momento i sei pazienti sono in buone condizioni di salute, ma il rischio corso è enorme.

Leggi anche ->Effetti collaterali vaccino: tutte le reazioni registrate ai vari tipi di vaccino

Intervistata dal Resto del Carlino, la direttrice della cooperativa Il Cigno (responsabile della struttura), ha espresso tutto il proprio dispiacere per l’accaduto e successivamente ha aggiunto: “Sono addolorata per quanto accaduto. Crediamo che per gli operatori che lavorano a contatto con persone tanto fragili, vaccinarsi sia un dovere morale oltreché un impegno professionale”.