Zona arancione rinforzata, alunni a scuola: i carabinieri li mandano casa

Nella zona arancione rinforzata le scuole devono restare chiuse. Ma in provincia di Brescia si è verificato uno spiacevole equivoco.

zona arancione rinforzata scuola
Brescia zona arancione rinforzata scuola Foto dal web

Zona arancione rinforzata, a Brescia le forze dell’ordine hanno dovuto rimandare a casa dei ragazzini che frequentano una scuola medica in località Casto. I giovanissimi si erano presentati in classe nonostante il divieto derivante dalla zona arancione rafforzata che interessa proprio la provincia. Quella è la zona più colpita dal proliferare della pandemia in tutta la Lombardia ed in Italia.

Leggi anche –> Gel alcolico e sapone, le differenze per lavarsi le mani: cosa è meglio?

Ed oltre alla provincia di Brescia anche alcuni Comuni della confinante provincia di Bergamo e qualche altro centro abitato di Cremona e dintorni è soggetto alla zona arancione rinforzata. In tutto sono circa quindici gli studenti coinvolti e tra questi alcuni presentano delle disabilità. Quest’ultimi erano cinque i tutto e per loro la permanenza a scuola stava avvenendo nel pieno rispetto delle regole vigenti. Ma per gli altri cinque non è stata possibile la permanenza in aula. E così in dieci hanno dovuto fare ritorno alle rispettive abitazioni. Il preside dell’istituto scolastico interessato ha risposto a delle domande rivoltegli dai carabinieri in merito al verificarsi di questa situazione.

Leggi anche –> Vaccino Covid, l’Aifa: “Una sola dose per chi è già guarito dal virus”

Zona arancione rinforzata, niente scuola nel Bresciano

Il dirigente scolastico avrebbe dichiarato che i dieci scolari necessitavano della presenza dal vivo in quanto non partecipavano attivamente mediante la didattica a distanza. Tutti i loro genitori tra l’altro hanno anche dovuto subire una segnalazione al tribunale dei minori. Infatti per loro vige l’accusa di omessa sorveglianza sui loro figli.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Attentato in centro di test Covid: esplosione in mattinata FOTO

Questa cosa ha trovato conferma sul verbale delle autorità accorse. Secondo le norme vigenti però non esiste giustificazione tale da consentire la frequentazione della scuola di qualsiasi ordine e grado con la pandemia in corso, se non in zona gialla o arancione. Con la zona arancione rinforzata od in rossa gli istituti devono restare necessariamente chiusi, tranne che in alcune rare eccezioni.