Covid, Regioni: assegnati i nuovi colori e la prima zona bianca

Regioni: assegnati i nuovi colori e la prima zona bianca in Italia. L’ordinanza del ministro della salute.

covid colori regioni zona bianca
(Roma, foto di Marco Di Lauro/Getty Images)

Oggi il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza con l’assegnazione alle Regioni dei nuovi colori in base al rischio epidemico e alla diffusione dei contagi di Covid-19.

Sono state confermate le anticipazioni della vigilia, con una novità riguardo alla prima Regione che va in zona bianca. Ecco tutto quello che bisogna sapere e come cambia la mappa dell’Italia a colori.

Leggi anche –> Cinema e teatri Coronavirus: riapertura 27 marzo, solo in zone gialle

Covid, Regioni: i nuovi colori e la prima zona bianca

La nuova ordinanza del ministro della Salute ha cambiato i colori di alcuni Regioni italiane in peggio, che passano a un livello di rischio superiore e con maggiori restrizioni. In altri casi, invece, la situazione epidemiologica ha mostrato un miglioramento, così, i colori sono cambiati i meglio, con un allentamento delle restrizioni.

I colori dipendono dall’indice Rt di trasmissibilità dei contagi e dal livello di rischio misurato su 21 parametri, per ciascuna Regione. Ogni settimana la Cabina di Regia, formata da esperti dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero della Salute, presenta i dati del monitoraggio dei contagi sulla base dei quali sono assegnati alle Regioni i colori giallo, arancione e rosso. Il provvedimento decisivo è l’ordinanza del ministero della Salute.

Secondo i dati presentati nella consueta conferenza stampa del venerdì, è stato anticipato che tre Regioni sarebbero passate in zona arancione, due in zona rossa e una sarebbe tornata in zona gialla. La novità più grande, tuttavia, è stata la possibilità che una Regione entrasse in zona bianca, grazie al numero basso di contagi che si è mantenuto costante. Tutte le previsioni sono state confermate.

L’ordinanza del ministro della Salute prevede il cambio di colore delle Regioni da lunedì 1° marzo. Per disposizione del governo, infatti, da questo momento in poi il passaggio a una nuova area di rischio avverrà sempre di lunedì. In modo da dare il tempo ai cittadini di prepararsi e soprattutto alle attività commerciali di organizzarsi.

Come cambiano i colori delle Regioni

Da zona gialla a zona arancione:

  • Lombardia,
  • Marche,
  • Piemonte.

Entrano in zona rossa:

  • Basilicata (dalla zona gialla e per Rt sopra 1,25),
  • Molise (dalla zona arancione e per sua espressa richiesta).

Da zona arancione a zona gialla:

  • Liguria

Entra in zona bianca:

  • Sardegna

La novità principale: la Sardegna è la prima Regione d’Italia a entrare in zona bianca.

Leggi anche –> Stop agli spostamenti tra regioni fino al 27 marzo, divieto di visite in zona rossa

Cagliari (seraficus, iStock)

Cosa prevede la zona bianca

La zona bianca era stata introdotta dal governo Conte con il Decreto legge del 14 gennaio (comma 5 dell’art.1), che aveva previsto uno scenario di “tipo 1” per le Regioni con un livello di rischio “basso” e un’incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. Sono proprio i parametri rilevati per la Sardegna.

In zona bianca dovrebbe riaprire quasi tutto: bar e ristoranti anche alla sera (ora in zona gialla devono chiudere alle 18.00), cinema e teatri, musei anche nei weekend, palestre e piscine e altro.

Il Decreto legge di gennaio prevedeva già che in queste aree non fossero applicate le misure restrittive previste dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) per le aree gialle, arancioni e rosse. La attività saranno regolate secondo specifici protocolli. Nelle zone bianche, comunque, possono essere adottate, con DPCM, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

In ogni caso, in Sardegna non riaprirà tutto indiscriminatamente lunedì prossimo. Per evitare il “libera tutti” e un peggioramento della situazione epidemiologica, il Ministero della Salute concorderà con la Regione Sardegna le disposizioni per le riaperture, che avverranno in modo graduale. Le nuove regole saranno adottate con un’ordinanza del presidente della Regione, Christian Solinas, che stabilirà quali attività riaprire, come e quando, con il parere favorevole del Ministero della Salute e del Comitato tecnico scientifico (Cts).

Il testo del Decreto legge 14 gennaio 2021, n. 2 sulla Gazzetta Ufficiale: www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/2021-01-14

Leggi anche –> Musei e monumenti aperti in zona gialla: gli aggiornamenti

(Piazza Duomo a Milano. Foto di MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)