Alda D’Eusanio, cinque emorragie cerebrali: “Va curata”

Dopo otto giorni di permanenza al Grande Fratello Vip, Alda D’Eusanio è stata cacciata per un pettegolezzo infondato. Ma per il suo comportamento ci sarebbe una spiegazione medica.

L’esperienza di Alda D’Eusanio al Grande Fratello Vip è stata breve, ma è rimasta sicuramente impressa nella mente dei telespettatori. L’opinionista televisiva ha rischiato l’eliminazione dopo un paio di giorni per aver pronunciato una frase di connotazione razzista. Il conduttore l’ha perdonata poiché la frase non era rivolta a nessuno, tuttavia l’ha ammonita invitandola a non indulgere in certe espressioni.

Nei giorni seguenti la D’Eusanio si è resa protagonista di una serie di scivoloni ai danni di Maria De Filippi, Anna Oxa ed infine Laura Pausini. Proprio il pettegolezzo infondato sulla cantante ed il marito ha convinto la produzione del GF Vip ad estrometterla dal gioco. Inoltre Mediaset si è dissociata dalle sue affermazioni ed ha invitato l’ex concorrente ad assumersi tutte le responsabilità per quanto detto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alda D’Eusanio, il professor Meluzzi la difende: “Va protetta e forse curata”

La partecipazione della D’Eusanio al Grande Fratello Vip ha fatto nuovamente sollevare le polemiche sulla deriva trash che ha preso quest’anno il programma, sottolineata dall’alto numero di squalifiche per comportamenti illeciti: oltre alla D’Eusanio sono stati cacciati Denis Dosio, Fausto Leali, Stefano Bettarini e Filippo Nardi. Tuttavia in questo caso il professor Meluzzi, noto psicologo televisivo, ha difeso l’opinionista in un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo.

Leggi anche ->Alfonso Signorini “massacra” Alda D’Eusanio: nessuna pietà

A suo avviso, infatti, il comportamento tenuto al GF Vip è legato all’incidente ed al successivo coma del 2012. Nel 2017, infatti, è stata lei stessa a dichiarare: “Cinque emorragie cerebrali non passano senza lasciare il segno”. Proprio quel trauma, secondo Meluzzi potrebbe essere la causa della sua perdita di inibizione: “La D’Eusanio ha perso il concetto di limite e il buon senso. Insomma, nel suo caso le inibizioni sono deboli e questo facilita il passaggio all’atto agito o a quello verbale. Perciò, va capita, protetta e forse curata”. A coloro che si fossero sentiti offesi, Meluzzi dice: “Credo che dovrebbero avere innanzitutto un atteggiamento di comprensione e solidarietà”.

Leggi anche ->Alda D’Eusanio, altri guai dopo la squalifica: un vip la denuncia