Lino Piccinini, addio al rinomato medico: aveva 80 anni

Lino Piccinini si è spento all’età di 80. L’uomo era un medio rinomato. Alle spalle aveva una carriera intensa e ricca di successi. 

Il medico nonantolano era conosciuto e apprezzato da molti. Un “dottore sempre a disposizione di tutti i compaesani”. E’ così che lo descrivono nei molti messaggi di cordoglio.

Tante le testimonianze di affetto e vicinanza alla famiglia. Una persona dalla doti professionali e umanitarie che non si trovano tutti i giorni.

Lino Piccinini: morto il medico nonantolano

L’uomo era stata per diversi anni direttore sanitario della sede locale dell’Avis. A seguito del suo pensionamento nel 2010, si è dedicato anima e corpo al ruolo di Rettore didattico all’Università Popolare di Rubbiara.

Leggi anche -> Antonella Clerici, grande dolore: “Melanoma maligno, molto aggressivo…”

Quest’ultima era stata fondata da don Arrigo Beccari nel 1942 per poi essere rifondata nel 1995. Piccinini aveva anche portato nella scuola media Dante Alighieri un programma di educazione alimentare che è stato molto seguito da alunni e genitori.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La sua carriera vanta anche altre cariche molto importanti. E’ stato ex direttore della scuola di specializzazione in Oncologia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Nel 2007 è diventato responsabile della struttura dipartimentale di Terapie palliative e hospice dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena.

Leggi anche -> Finte rapine a mano armata: 20enne ucciso per un video su Youtube

Grandi successi anche dal punto di vista scientifico. La sua carriera può essere definita decisamente intensa. Piccinini ha coordinato diverse ricerche nel campo della Medicina interna, dell’Ematologia, dell’Oncologia e delle Cure palliative. E’ stato anche autore di più di 200 pubblicazioni su riviste nazionale e internazionali. La sua esperienza conta anche oltre 170 partecipazioni a convegni e congressi in tutto il mondo. Il dottore è stato poi segretario della Società medico-chirurgica di Modena e socio di Aiom, Sie, Sic, Festem e Ispo.