Finte rapine a mano armata: 20enne ucciso per un video su Youtube

Finte rapine. Questo lo scherzo che è costato la vita a un giovane 20enne. Il ragazzo è stato ucciso mentre girava un video per Youtube.

L’autore e vittima del suo stesso scherzo è Timothy Wilks. Il 20enne aveva deciso di girare alcuni video in cui fingeva di rapinare delle persone, armato di un coltello da macellaio.

Il video scherzo si è ben presto trasformato in tragedia. Un altro ragazzo, sentendosi in pericolo, ha estratto un’arma per legittima difesa. Scopriamo altri dettagli.

Finte rapine: scherzo finisce a colpi di pistola

Wilks erano uno youtuber abbastanza noto negli Stati Uniti, ma non è il primo ad essere vittima stato vittima del suo stesso scherzo. Il 20enne aveva deciso di girare alcune clip appena fuori un parco divertimenti di Nashville (Tennessee). Armato di coltelli affilati e molto grandi, metteva in scena una rapina.

Leggi anche -> Elisa Lam, chi è la donna morta al Cecil Hotel: il mistero della sua sparizione

Lo scopo di questo “prank video” è ovviamente quello di filmare la reazione dei passanti che sono ignari di tutto. La situazione è ben presto degenerata quando una delle vittime ha creduto di trovarsi realmente in pericolo. A quel punto non ha avuto ripensamenti e ha estratto un’arma per legittima difesa, esplodendo alcuni spari verso lo youtuber. Nonostante il tempestivo intervento dell’ambulanza, per il 20enne non c’è stato nulla da fare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

In base alle ricostruzioni delle autorità, la polizia ha subito identificato il responsabile: David Starnes, un 23enne. “Credevo di essere davvero vittima di una rapina, gli ho sparato per legittima difesa“, si è giustificato il giovane. La BBC e altre fonti hanno riportato che il giovane non sarebbe stato arrestato o indagato.

Leggi anche -> Luigi Sbandi, morto il campione di Squash: aveva solo 22 anni

Questa è senza dubbio una vicenda che ha scosso il mondo del web dove incidente del genere non sono del tutto nuovi. Data la pericolosità di alcuni scherzi, nel 2019 Youtube aveva vietato la pubblicazione di tali video, soprattutto quelli in cui le vittime temono per la loro incolumità. I rischi sono sempre molto elevati nei paesi in cui le armi sono diffuse e accessibili.