Dramma Hellas Verona: Andrea Gresele gravissimo, incidente choc

Un grave dramma ha colpito la squadra dell’Hellas Verona: Andrea Gresele gravissimo, incidente choc per il giovane terzino.

(Alessandro Sabattini/Getty Images)

Dramma per Andrea Gresele, giocatore della Primavera dell’Hellas Verona, con cui aveva raggiunto le finali della TIM Cup di categoria in estate. Sabato sera, il giovane talento del calcio italiano è finito vittima di un incidente, mentre si trovava in compagnia di alcuni amici. Diversi sono gli aspetti da chiarire.

Leggi anche –> Sondrio, macigno frana e centra un’auto: un morto FOTO

Il terzino destro, 18 anni, giovane calciatore di Isola Vicentina, è rimasto folgorato e ha fatto un volo di alcuni metri: si trova ora ricoverato nel reparto di terapia intensiva di Borgo Trento. Sembra che insieme a dei compagni di squadra, l’altra sera avrebbero preso in affitto un appartamento, adiacente a dei binari.

Leggi anche –> Incidente in casa, letto a scomparsa le frana addosso e la schiaccia FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa è accaduto ad Andrea Gresele dell’Hellas Verona

Probabilmente per una folle scommessa, i giovanissimi sono scesi nel giardinetto che è dietro la casa e hanno scavalcato quindi una recinzione che divideva questo dai binari. Hanno così trovato dei vagoni incustoditi e sembra che per noia alcuni di loro vi siano saliti sopra. Tra questi anche Andrea Gresele, che però ha toccato i fili della corrente dell’impianto di alimentazione dei freni. La scossa è stata forte.

Il giovane è stato sbalzato per alcuni metri e poi è caduto da sopra il vagone, atterrando malamente sul selciato sottostante. A causa di un ematoma intracranico, è stato ricoverato e nelle scorse ore operato di urgenza. Al suo capezzale, sono vicini il tecnico della Primavera, Nicola Corrent, e il responsabile del settore giovanile dell’Hellas, Massimo Margiotta. Paolo Baio, ex responsabile del settore giovanile dell’Altovicentino, dice di lui che era un giocatore “forte e un bravo ragazzo, che si applicava molto”.