Claudio Amendola, chi sono i figli Alessia, Rocco e Giulia: la loro storia

Claudio Amendola ha tre figli: le femmine Alessia e Giulia avute dalla prima moglie e il figlio Rocco, di seconde nozze.

Claudio Amendola, figlio del celebre doppiatore Ferruccio Amendola, è un attore e regista italiano amatissimo dal pubblico. Tra i ruoli che l’hanno reso celebre si ricorda quello di Giulio Cesaroni nella fiction “I Cesaroni“.

L’amato attore romano Claudio Amendola è padre di tre figli: le figlie Alessia e Giulia sono nate dall’unione con la doppiatrice Marina Grande, con la quale è stato sposato dal 1983 al 1997. La prima figlia è nata nel 1984, quando l’attore ha appena 21 anni e la moglie soltanto 17. In base a quanto raccontato, Alessia è nata di sei mesi e mezzo e ha lottato tra la vita e la morte in una notte che l’attore non dimenticherà mai. Oggi ha 37 anni ed è uguale alla madre, non è interessata alle luci della ribalta ma ha seguito le orme del padre e del nonno Ferruccio Amendola con la carriera nel doppiaggio.

LEGGI ANCHE -> Claudio Amendola, il dramma atroce: ecco chi mi ha salvato la vita

LEGGI ANCHE -> Claudio Amendola, chi è l’ex moglie Marina Grande: età, foto, lavoro

Giulia e Rocco Amendola, chi sono i figli minori dell’attore Claudio

La secondogenita di Claudio Amendola e Marina Grande, Giulia, è nata nel 1989. Oggi è una giovane donna di 32 anni, che ha recitato in alcuni spot pubblicitari di un noto brand di telefonia mobile assieme al padre e alla sorella maggiore Alessia Amendola agli inizi degli anni 2000.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Il figlio più piccolo di Claudio Amendola, Rocco, è nato dal matrimonio con l’attrice Francesca Neri, avvenuto nel 2010 a New York. Il ragazzo ha compiuto 21 anni durante la quarantena ed ha festeggiato in casa con i genitori, i quali lo hanno sorpreso con una torta mentre i suoi amici erano collegati in videochiamata. Anche il giovane Amendola è tifoso della Roma come il padre che, per motivarlo a tifare la sua stessa squadra, gli nascose i peluche quando Rocco era solo un bambino, dicendogli che era stata opera dei Laziali.