Covid, perchè è fondamentale prevedere i malati gravi

E’ importante capire chi si ammalerà di Covid in maniera più grave. Arriva un nuovo studio dall’Università di Cambridge

Covid – foto viagginews

Un nuovo studio, che deve ancora essere pubblicato su una rivista scientifica, ha cercato di approfondire la questione della differenza tra malati di Covid. Il punto è capire perchè alcuni si ammalano gravemente rispetto ad altri, che rappresentano fortunatamente la maggioranza. Siamo nel Regno Unito e i ricercatori dell’Università di Cambridge hanno scoperto che i cambiamenti molto rapidi nella risposta immunitaria al virus potrebbero essere utilizzati per prevedere chi svilupperà una malattia grave e chi meno. Lo studio degli scienziati ha rivelato che le persone gravemente malate di Covid avevano nel sangue livelli non comuni di alcune cellule immunitarie. Tra queste facevano parte anche cellule che sono primi soccorritori, come le cellule che si sviluppano dopo l’infezione e puntano alle cellule infettate dal coronavirus. Queste sono, ad esempio, le cellule T. Gli scienziati hanno anche scoperto che questi malati hanno anche insoliti valori di citochine, proteine ​​utili per la risposta immunitaria.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Covid, la chiave della prevenzione è nel sistema immunitario

Dagli studi risulta che il danno agli organi del corpo dei malati più gravi di Covid non è causato dal virus stesso, ma dalla risposta del sistema immunitario. Per questo motivo, secondo gli scienziati è fondamentale capire prima chi è a rischio in termini di risposta immunitaria. Gli scienziati hanno effettuato lo studio su un campione di 207 persone. Alla fine dello studio, hanno confrontato le risposte immunitarie delle persone che hanno manifestato una malattia grave con pazienti che soffrivano di una malattia lieve o erano asintomatiche. Hanno scoperto che all’inizio dell’infezione, il sistema immunitario delle persone gravi produceva livelli più alti di citochine infiammatori rispetto alle persone con malattia lieve. I ricercatori hanno anche dimostrato che i malati più gravi avevano infiammazioni più elevate nei punti in cui si sviluppavano i sintomi.

Leggi anche > Italia in giallo, quando si può andare fuori regione

Tali risultati possono avere importanti risvolti. Riuscire ad inquadrare chi sono i pazienti ad avere un sistema immunitario predisposto per ammalarsi gravemente, può dare la possibilità a loro di essere gestiti diversamente, con dei farmaci.

Leggi anche > Terribile incidente nel salernitano

laboratorio – FOTO Getty Images