L’Italia è quasi tutta gialla. Quando arriverà l’ok per gli spostamenti tra regioni

Da lunedì quasi tutta Italia è in zona gialla, ma resta lo stop agli spostamenti tra Regioni fino al 15 febbraio

zona gialla mappa
Verso la zona gialla in Italia FOTO Getty Images

Oggi è il giorno dell’Italia in zona gialla, o quasi. Solo cinque regioni, infatti, resteranno arancioni; si tratta di Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Provincia Autonoma di Bolzano che dovranno rimandare l’appuntamento con la fascia di restrizioni più “leggera”. Quindi, Calabria, Emilia-Romagna, Veneto, Lazio, Piemonte, Val d’Aosta, Liguria, Marche, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo e Lombardia diventeranno gialle; si aggiungeranno a Campania, Toscana, Basilicata, Provincia autonoma di Trento e Molise che erano già zona gialla da un po’ di giorni. Il passaggio ha soddisfatto il ministro della salute Roberto Speranza, che dal suo profilo facebook ha sintetizzato: “L’indice di trasmissione del contagio è sceso a 0,84. È un risultato incoraggiante frutto dei comportamenti corretti delle persone e delle misure di Natale che hanno funzionato. Numerose regioni torneranno in zona gialla. Questa è una buona notizia, ma è fondamentale mantenere la massima attenzione. La sfida al virus è ancora molto complessa”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

L’Italia in zona gialla, resta il divieto di spostamento tra regioni

Il passaggio alla zona gialla di quasi tutta la penisola significa che si potrà consumare al banco o al tavolo nei bar e nei ristoranti, con le dovute regole previste, fino alle 18. Si potrà andare in giro senza dover avere a tutti i costi un motivo specifico e considerato di necessità. Saranno aperti anche i musei mentre nulla ancora è stato consentito per le palestre. I centri commerciali restano chiusi nei festivi e prefestivi e il coprifuoco rimane alle 22. Gli spostamenti saranno ancora possibili soltanto nell’ambito del territorio regionale.

Leggi anche > L’Italia vieta export di bombe, la reazione delle Ong

Ciò fino al 15 febbraio. Il decreto che vieta lo spostamento tra le regioni, se non per motivi di necessità o urgenza, scadrà il 15 febbraio. Dopo questa data, salvo ulteriori decreti, gli spostamenti tra regioni dovrebbero riprendere dopo un lungo periodo di divieti e restrizioni.

Leggi anche > Palermo, donna muore per il parto

zona rossa Natale
Restrizioni FOTO Getty Images