Alessio Marzilli, chi è il regista diventato famoso a Propaganda Live

Carriera e curiosità su Alessio Marzilli, chi è il regista diventato famoso a Propaganda Live: cosa sapere su di lui.

(screenshot video)

I suoi video spopolano a Propaganda Live e uno di questi ha addirittura tratto in inganno Beppe Severgnini: parliamo del film maker Alessio Marzilli, il quale è conosciuto anche con un curioso nome d’arte, ovvero Sylveon Berlusconi. Ribattezzato il “regista dei silenzi”, i suoi video hanno un grande appeal sui social.

Leggi anche –> Chi è Chiara Valerio: età, carriera e vita privata della scrittrice italiana

Avendo un proprio alter ego, il giovane regista ha anche un doppio account su Instagram, infatti ha il profilo ufficiale, con tanto di nome e cognome, e quello che si chiama con il nome d’arte con cui si è spesso firmato, ovvero Sylveon Berlusconi appunto. Un suo singolo video su Youtube ha raggiunto un milione di visualizzazioni, prima di essere bloccato.

Leggi anche –> Valerio Mastandrea, la compagna Chiara Martegiani: la loro storia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere sul regista Alessio Marzilli

Infatti, sul canale del suo alter ego su Youtube, uno dei video pubblicati è stato censurato perché aveva violato le norme di copyright, su richiesta di Mediaset. Invece, ha fatto davvero numeri incredibili il suo video sui silenzi di Giuseppe Conte ospite a Otto e mezzo da Lilli Gruber, ma soprattutto – come detto – quello sui silenzi di Matteo Renzi alla BBC. Un’intervista risalente al 2016, ma che Marzilli ha rimodulato e trasformato.

Così il video dei silenzi di Renzi ha tratto in inganno Beppe Severgnini, che ha preso per ‘vera’ la clip satirica montata per Propaganda Live e a Le Parole della settimana ha sostenuto che durante l’intervista “ha fatto un silenzio di 35 secondi che la Bbc ha rimandato in tutti i modi”. Ma Alessio Marzilli, apprezzato anche a livello internazionale, non è solo il regista dei silenzi: ha ottenuto molti premi e riconoscimenti per lavori come Chameleon (2018), Bite (2019) e Lost in Winter (2018).