Chi è Chiara Valerio: età, carriera e vita privata della scrittrice italiana

Conosciamo meglio la storia di Chiara Valerio: ecco tutte le curiosità e la vita privata della scrittrice italiana

Chiara Valerio
Chiara Valerio (Getty Images)

Chiara Valerio nasce a Formia nel 1978 e trascorre l’infanzia e la giovinezza a Scauri. Consegue un dottorato in Matematica all’Università degli Studi di Napoli Federico II.  Inoltre, è redattrice della rivista Nuovi Argomenti e ha collaborato al blog letterario Nazione Indiana. In passato ha scritto per il teatro e per la radio, ha collaborato con Il Sole 24 ORE e l’Unità e con la trasmissione culturale “Pane quotidiano”, Rai 3. Per l’editrice Nottetempo ha diretto la collana “narrativa.it”, dedicata ai nuovi scrittori della narrativa italiana. Con Anna Antonelli, Fabiana Carobolante e Lorenzo Pavolini cura il programma “Ad alta voce” di Rai Radio 3, dove inoltre conduce il programma “L’isola deserta”. Con Nanni Moretti, Valia Santella e Gaia Manzini ha scritto il soggetto del film di Nanni Moretti Mia madre, con Gianni Amelio e Alberto Taraglio ha scritto il soggetto del film di Gianni Amelio, La tenerezza. Lavora come editor della narrativa italiana presso l’editore Marsilio e scrive per il settimanale Robinson de La Repubblica e per il mensile Amica. Nell’ottobre 2016 è stata designata direttrice culturale della nuova fiera del libro milanese “Tempo di libri”. Si è dimessa l’anno successivo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Chiara Valerio: vita privata

Ha un profilo Instagram che vanta circa 4520 followers, in cui posta le sue foto di vita quotidiana tra famiglia e posti del cuore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

gruppo di famiglia in un interno ieri mia mamma ha compiuto 67 anni. in questa foto è la signora con la maglia rosa, la sua immagine è mossa come è mossa lei. mamma è vivace, è veloce, è anche insubordinata e intollerante all’autorità, anche quella di un obiettivo fotografico. non ho mai capito come abbia fatto, in mezzo a tutta queste tensioni interiori, a lavorare come alto funzionario dello stato (“ma quale alto funzionario!, lo eravamo, poi ci hanno trasformato in tirapiedi dei politici!). eppure è andata in ufficio ogni mattina della sua vita (la chiamavano “la signora”, come la monaca di monza), ha cresciuto tre figlie, ha litigato con mio padre e con i fratelli, avrà avuto le sue indicibili malinconie e stanchezze, però ha sempre avuto l’educazione e l’attitudine a mantenere in piedi un intero sistema di legami. il mio amico @stefanopisanirandom la prima volta che l’ha incontrata (poteva essere il 1997, eravamo all’università) mi aveva fatto notare che la cortesia di mamma era marziale. la marziale cortesia di tua madre, diceva. questo per dire che se anche viene mossa nelle fotografie, non fa niente. il suo lo ha fatto e continua a farlo. e, in fondo, sfuggire alla rappresentazione è una grande libertà è un grande esercizio di mancanza di convenzionalità. #mamma #familyportrait @azul_indaco #family #myfamily #birthday #love #november #mom #dad #sisters #nephew

Un post condiviso da chiara valerio (@slaterpins) in data: