Conte torna da Mattarella: colloquio al Quirinale, dimissioni vicine?

Il premier Giuseppe Conte è nuovamente salito al Quirinale dove è a colloquio con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. 

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Pochi minuti fa, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è tornato al Quirinale per un nuovo colloquio con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Il colloquio avviene nell’ambito della crisi di governo scaturita nelle scorse ore, dopo che Italia Viva di Matteo Renzi ha fatto dimettere i suoi ministri dall’esecutivo.

Leggi anche –> Crisi di governo, Giuseppe Conte non si arrende e rilancia

Infatti, ieri pomeriggio in conferenza stampa l’ex premier ed ex segretario del Partito Democratico ha annunciato le dimissioni delle ministre Teresa Bellanova ed Elena Bonetti e del sottosegretario Ivan Scalfarotto. “Sono momenti molto difficili: servono coraggio e senso di responsabilità per dimettersi”, ha affermato.

Leggi anche –> Italia Viva, dimissioni dei ministri, Renzi: “No a ribaltoni, mai a destra”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mattarella e Conte a colloquio: cosa si diranno i due presidenti

Conte Quirinale crisi governo

Adesso spetta al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, fare un passo per capire come proseguirà questa crisi di governo. Non sembrano attualmente all’ordine del giorno le sue dimissioni, sebbene nel centrodestra ci siano diverse voci che le stanno invocando, chiedendo un ricorso in tempi celeri alle urne. Da parte sua, il premier appena pochi minuti prima dell’annuncio delle dimissioni delle ministre, aveva auspicato una soluzione.

“Io mi auguro che non si arrivi a quello, anche perché già in questi giorni sto lavorando a una proposta per definire un patto di fine legislatura”, aveva detto sottolineando l’importanza di un “confronto leale”. Sono diverse in questo momento le ipotesi al vaglio per il prosieguo della legislatura, una di queste – che sembra la più probabile – passa per l’appoggio al governo dei cosiddetti “responsabili”.