Joker, coppietta di adolescenti vuole emularlo: vanno in ospedale FOTO

Una coppia di giovanissimi afferma di volere somigliare a Joker dopo che i medici in ospedale esaminano le loro ferite particolari.

ragazzini ferite Joker
Due fidanzatini si autoinfliggono ferite alle labbra per somigliare a Joker Foto dal web

Una adolescente di appena 14 anni intendeva somigliare a Joker, celebre ‘villain’ della DC Comics. E per questo motivo avrebbe chiesto al proprio fidanzatino 17enne di aiutarla a mettere in atto tale proposito, facendosi incidere sulle labbra delle ferite tali da darle la forma delle caratteristiche labbra del personaggio dei fumetti. Ma tutto ciò l’ha portata ad ottenere un ricovero in ospedale a Cernusco sul Naviglio, in provincia di Milano.

Leggi anche –> Chiamatemi Francesco, chi è l’attore Rodrigo De La Serna: dove l’abbiamo già visto

Tra l’altro anche l’adolescente sarebbe chiesto alla ragazzina di infliggergli delle ferite analoghe, ma lei non è riuscita nell’intento. La vicenda risale a quasi una settimana fa, con i due fidanzatini che avevano giustificato il tutto asserendo di avere subito una aggressione in metro da parte di alcuni coetanei. Una versione che fin da subito non ha convinto i dottori prima ed i carabinieri poi.

Leggi anche –> Ucciso con una katana, la fine atroce del 13enne massacrato da coetanei

Joker, coppietta di adolescenti vuole emularlo: finiscono in ospedale

Non ci è voluto molto per scoprire la verità, con gli inquirenti che quasi subito hanno appreso la verità dal più grande della coppia. Quest’ultimo ha svelato che sia lui che la ragazzina avevano tentato di avere un aspetto somigliante a quello di Joker. Inoltre entrambi volevano mettere alla prova loro stessi e la loro capacità di sopportare il dolore fisico.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Ragazzo ucciso a 15 anni, l’amante 19enne temeva potesse parlare

‘Arma del delitto’, un taglierino. Su quanto avvenuto è ancora in corso una inchiesta ufficiale, e sono da valutare le posizioni dei due ragazzini ed eventuali conseguenze da far ripercuotere sulle loro persone. Si ipotizza l’intervento di alcuni psicologi ed assistenti sociali.