Vaccino Reithera, progetto italiano in Fase 2: “Meglio di Pfizer e Moderna”

Il vaccino Reithera, frutto di una ricerca tutta italiana contro il virus, fa vedere dei risultati molto incoraggianti. Questi i tempi previsti.

vaccino Reithera Italia
Grandi e significativi progressi dal vaccino Reithera italiano FOTO Getty Images

Il vaccino ReiThera, progettato in Italia, è sul punto di ricevere il via libera per la Fase 2. Si tratta di un ritrovato concepito totalmente nel nostro Paese e che ha visto lo svolgimento di alcuni test su volontari, allo scopo di osservare i suoi effetti benefici ed eventuali controindicazioni. Sono 100 in totale i soggetti coinvolti, con 45 vaccinazioni avvenute con un dosaggio differente.

Leggi anche –> Pandemia, nuove disposizioni dal 7 al 15 gennaio: le novità

Il periodo di monitoraggio è durato 28 giorni in totale, e durante tutto il periodo in questione non si ha avuto notizia di alcun tipo di complicazioni. In questo il vaccino RiThera ha fatto anche meglio dei più blasonati Pfizer Biontech e Moderna, che invece qualche problematica e qualche reazione le hanno mostrate. Inoltre per il ritrovato italiano è sufficiente una sola dose, mentre nelle altre situazioni c’è bisogno anche di una somministrazione di richiamo a tre settimane di distanza dalla prima.

Leggi anche –> Vaccini, Arcuri spiega tutto: ecco il piano dettagliato, non siamo in ritardo

Vaccino Reithera, la Fase 3 prevista entro l’estate: ulteriore arma contro il virus per l’Italia

A parlare con entusiasmo della cosa è Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’ospedale romano ‘Lazzaro Spallanzani’ di Roma, specializzato nella cura delle malattie infettive. Ippolito conferma la presenza di anticorpi rilevabili contro il virus “nel 92,5% di chi ha ricevuto il vaccino ReiThera.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Italia a colori variabili: ecco quando sarà bianca

Un confronto con quanto avvenuto con il siero di Moderna e di Pfizer Biontech ci consente di stabilire anche per il vaccino italiano una elevata efficacia nel fare fronte al virus”. La Fase 3 verrà ultimata entro l’estate. Servirà quindi ancora del tempo, ma per allora il nostro Paese potrà disporre di un’arma in più per cercare di debellare la pandemia in atto.