Pandemia, nuove disposizioni dal 7 al 15 gennaio: le novità

Subito dopo le festività natalizie entrano in vigore per una settimana ulteriori provvedimenti atti al contenimento della pandemia.

pandemia contagi decreto gennaio
Italia pandemia contagi decreto gennaio FOTO Getty Images

Dopo una riunione del Consiglio dei ministri avvenuta nel corso di ieri sera tardi, il Governo ha promulgato delle nuove disposizioni in materia di gestione della pandemia. Spiccano alcuni provvedimenti che diventeranno operativi tra il 7 ed il 15 gennaio prossimi in tutta Italia.

Leggi anche –> Vaccini, Arcuri spiega tutto: ecco il piano dettagliato, non siamo in ritardo

Vige il divieto, per questo periodo, di cambiare regioni o province autonome diverse da quelle di residenza, eccezion fatta per motivazioni urgenti di lavoro, studio, salute o di assistenza a persone non autosufficienti. Sono permessi i rientri alla propria residenza, abitazione o domicilio, tranne che per le seconde case che si trovino in regioni o province autonome diverse. Inoltre ci sarà zona arancione nell’intero Paese nei giorni 9 e 10 gennaio, con spostamenti consentiti in queste due date in Comuni con meno di 5mila abitanti ed in un raggio di 30 km da dove si hanno residenza, domicilio od abitazione. Vietati gli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Leggi anche –> Infermiera addetta ai vaccini risulta positiva al Coronavirus

Pandemia, i provvedimenti in atto dal 7 al 15 gennaio

Tornerà poi la zona rossa totale fino al 15, anche se sarà concesso nonostante il dilagare della pandemia, di spostarsi massimo in due persone per una volta al giorno di spostarsi verso una abitazione privata. Possono esserci al seguito minori di 14 anni o persone non autosufficienti, conviventi, senza limite di numerazione. Riparte poi la scuola l’11 gennaio, con il 50% di presenza in classe in tutti i tipi di licei ed istituti superiori.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Italia a colori variabili: ecco quando sarà bianca

E prende ulteriormente corpo il piano vaccini, con procedure apposite per esprimere il proprio consenso alla somministrazione dello stesso per gli ospiti di strutture sanitarie sprovvisti di tutore o di altre figure di riferimento simili. E che non siano in condizioni di potere dare il proprio assenso a farsi vaccinare.