Poliziotti uccisi, succede dopo lite in famiglia: suicida l’assassino

Culmina con una vera e propria strage una discussione in famiglia tra marito e moglie. Alla fine ci sono tre poliziotti uccisi ed un suicidio.

Francia Poliziotti uccisi
Francia poliziotti uccisi FOTO Getty Images

Ben tre poliziotti uccisi ed un altro morto. Questo è il tragico bilancio di una lite nata in famiglia e degenerata poi in maniera orribile. Il tutto è successo in Francia, nella piccola località di Saint-Just, nei pressi della grossa città di Clermont-Ferrand, che conta appena 157 abitanti. Autore della strage è un uomo di 48 anni, che dopo un diverbio, ha aggredito e selvaggiamente picchiato sua moglie.

Leggi anche –> Perugia, esplosione sventra una casa: trovato un corpo tra le macerie

La donna aveva cercato di trovare scampo dalle violenze scappando sul tetto di casa. Lì ha poi avvertito le forze dell’ordine con un cellulare. Ma di sotto il marito aveva del tutto perso il controllo, tanto da dare alle fiamme la loro abitazione. Nel frattempo i poliziotti sono arrivati e lui, appostato davanti all’ingresso, ha freddato due agenti che erano entrati nella sua dimora. Entrambi i gendarmi sono morti sotto i suoi colpi di arma da fuoco. Poi si è dato alla fuga, ma non prima di avere ammazzato un altro agente dei quattro in totale intervenuti per fermarlo.

Poliziotti uccisi, uomo ne ammazza tre prima di suicidarsi

Leggi anche –> Stefano Benvenuti, trovato morto il figlio del pugile Nino: “È suicidio”

Alla fine la vicenda si è conclusa con il suicidio del 48enne, dopo che ben 300 esponenti delle forze dell’ordine avevano iniziato a battere la zona palmo a palmo nel tentativo di rintracciarlo. La vicenda dei tre poliziotti uccisi ha scosso profondamente la Francia, con il triste evento che ha avuto luogo nella giornata di martedì 22 dicembre 2020.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Mamma morta, Monica lascia 3 figlie: da poco era scomparso il marito

Il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, ha rivolto un messaggio di cordoglio mentre è ancora in atto una inchiesta ufficiale. Le autorità nel frattempo hanno sottoposto ad interrogatorio la moglie del pluriomicida. Che a quanto pare non era nuovo a scatti di ira incontrollati. Sembra anche che la coppia fosse sul punto di divorziare e che discutesse di continuo riguardo alle modalità di custodia dei figli.