Bambino ucciso dai nonni, corpo gettato nella neve: “Piangeva troppo”

Un uomo ed una donna avrebbero dovuto accudire il nipotino, finisce con il bambino ucciso perché i due non sopportavano i suoi lamenti.

bambino ucciso nonni
In Russia un bambino ucciso dai nonni ed abbandonato morto nella neve Foto dal web

È di raccapriccio ed orrore la reazione al triste caso di un bambino ucciso dai suoi stessi nonni. La piccola vittima aveva solamente 2 anni e la sua unica colpa consisteva nell’essersi messo a piangere in maniera incessante. Un comportamento che è tipico di tutti i bambini del mondo a quell’età e che rappresenta il modo principale per far capire agli adulti incaricati di prendersi cura di loro che c’è un bisogno da soddisfare.

Leggi anche –> Bambina di 19 mesi muore dopo ore di agonia, la madre puliva le tracce

Per quei nonni però si trattava soltanto di un lamento insopportabile, che li ha spinti ad uccidere il loro nipotino. E come se non bastasse, i due hanno anche buttato il corpicino del piccolo dentro la stufa di casa loro. In seguito poi lo hanno spogliato e l’hanno lasciato in mezzo alla neve. L’infanticidio ha avuto luogo in una località della Russia ed è avvenuto con uno strangolamento.

Leggi anche –> Padre uccide figlia | lei era stata stuprata restando incinta

Bambino ucciso, i nonni non ne potevano più del suo pianto

Il bambino ucciso si chiamava Dima ed i loro genitori, due giovani di rispettivamente 20 anni (la madre) e 25 anni (il padre) avevano trovato solo i vestitini del loro povero figlioletto. Poco dopo hanno rinvenuto il cadavere in mezzo alla neve, quando imperversava una temperatura artica di 20° sotto zero. I colpevoli sono i genitori della madre, un 52enne ed una 48enne.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Stupra e uccide la figlia di 10 mesi, poi si mette a chattare su Internet

Alle forze dell’ordine la diabolica coppia ha detto di non avere più sopportato, ad un certo punto, i capricci ed i pianti del bimbo, ammettendo così la loro colpevolezza. Nei prossimi giorni verrà svolto il processo, per i due non è prevista alcuna attenuante.

Gestione cookie