Spostamenti Natale, brutte notizie in arrivo: riunione urgente del Governo

In merito alla situazione spostamenti Natale, giunge un aggiornamento che non promette niente di buono. Si spinge per ulteriori strette.

spostamenti Natale strette
News spostamenti Natale strette in arrivo FOTO Getty Images

Il primo ministro Giuseppe Conte ha convocato una riunione urgente con Francesco Boccia, ministro per Gli Affari Regionali, ed i vari capi delegazione. Si parla prima di tutto della questione spostamenti Natale, molto delicata in quanto strettamente connessa all’altrettanto scottante argomento relativo ai contagi giornalieri.

Leggi anche –> Germania in lockdown totale a Natale

L’intenzione del Governo è quella di inserire ulteriori limitazioni alla mobilità, anche alla luce dei recenti casi di assembramenti che hanno avuto luogo nei cosiddetti luoghi dello shopping, nelle grandi città. Questo presuppone quindi il dovere intervenire in maniera urgente, perché bisogna assolutamente evitare che avvengano di nuovo situazioni come queste. Il Pd in particolare sembra orientato a consigliare al Governo maggiore severità in tal senso.

Leggi anche –> Morta Carol Sutton: l’attrice scomparsa a causa del virus

Spostamenti Natale, altro che deroghe: necessarie ulteriori strette

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale)

Le strette introdotte a novembre hanno portato degli effetti buoni, causando un calo dei nuovi casi di contagio nei bollettini delle ultime 4 settimane. Ma i numeri restano comunque alti, tanto per i nuovi infetti quanto per i morti direttamente ascrivibili alla pandemia. L’Esecutivo Conte si confronterà ancora una volta anche con gli esperti del Comitato tecnico scientifico, prima di comunicare ogni possibile nuova decisione.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Bollettino 12 dicembre: quasi 20mila contagi, 649 morti

Anche il discorso sulle possibili deroghe agli spostamenti a Natale devono rappresentare una eccezione. C’è la necessità di fermare la circolazione del virus o almeno di farla rallentare in maniera importante. Perciò si farà ricorso a misure all’insegna del rigore con una ulteriore stretta.