Marito ucciso, modella di Vogue sotto accusa: “lo ha pugnalato” – FOTO

Una top model che ha posato anche per Vogue è accusata della morte del marito ucciso. Controverse le circostanze del delitto.

marito ucciso Lilia Sudakova
Accusata della morte del marito ucciso la modella Lilia Sudakova Foto dal web

Una modella russa che ha lavorato per la celebre rivista ‘Vogue’ ha ricevuto delle accuse di omicidio molto gravi. Gli inquirenti che indagano sul caso hanno del resto ricevuto anche la confessione da parte della giovane Lilia Sudakova. Quest’ultima è responsabile della morte del marito ucciso a colpi di coltello. Lei avrebbe agito in preda alla gelosia. La Sudakova ha 26 anni ed il processo a suo carico è già iniziato.

Leggi anche –> Serial killer, si fingeva idraulico per uccidere anziane: preso dopo anni

L’accusa sostiene che la ragazza abbia ammazzato il 28enne Sergey Popov, il suo compagno di vita, che aveva portato in casa loro un’altra giovane conosciuta in un locale qualche ora prima. Adesso Lilia rischia una condanna ad almeno 15 anni di carcere. Popov è morto a causa di lesioni profonde al cuore. Ma ci sarebbe anche altro dietro alla frustrazione di Lilia. La madre di quest’ultima afferma che la figlia era oggetto di violenze ed abusi in ambito domestico e ritiene che la ragazza abbia agito per legittima difesa. La bellissima Lilia Sudakova era apparsa anche sui numeri di Vogue Italia, Vogue Cina e Vogue Giappone in passato. Era stata proprio lei a chiamare una ambulanza per fare soccorrere il marito. L’uomo però è morto in ospedale. I due erano sposati dal 2016 e lei ha confermato di avere provato estrema gelosia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Da morte certa a modella di successo: 24enne batte malattia al cervello

Marito ucciso, la madre di Lilia la difende: “È legittima difesa”

Ora Lilia è accusata di omicidio colposo e resterà in regime di custodia cautelare fino ad inizio febbraio. Sempre la madre della modella prende le difese di quest’ultima e sostiene che Popov fosse ubriaco e che abbia portato una sconosciuta in casa loro, chiedendo a Lila di cucinare per loro. In tutto ciò l’aveva anche aggredita e ci sarebbe anche un testimone a confermare questa versione, oltre alla donna. “Mia figlia era impaurita, anche dopo avere colpito suo marito. Sergej era un genio del computer, ma aveva una terribile dipendenza dall’alcol che lo rendeva pericoloso. Questo è un caso di legittima difesa, ma qui in Russia questa scatta solo quando c’è una persona pronta a colpirti con un’ascia. Il fatto che Sergej abbia picchiato mia figlia prima di essere colpito non infastidisce nessuno”, afferma la madre della modella. Il marito ucciso era un violento, come confermano anche alcuni amici della coppia.

Leggi anche –> Lutto nel mondo della moda, la modella Maxima Cortina è morta a 25 anni